5.3 C
Torino
lunedì, 30 Novembre 2020

Appendino rinegozia i mutui, Lo Russo prepara la battaglia in Sala Rossa

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Torino, 15 novembre studenti assediano le banche

Torino: studenti in piazza in assedio alle banche. Tensione con la polizia che accenna ad una carica. © RIPRODUZIONE RISERVATA
Andrea Doi
Andrea Doi
Giornalista dal 1997. Ha iniziato nel '93 al quotidiano La Nuova Sardegna. Ha lavorato per Il Manifesto, Torino Sera, La Stampa. Tra le sue collaborazioni: Luna Nuova, Il Risveglio del Canavese, Il Venerdì di Repubblica, Huffington Post, Avvenimenti e Left. Dal 2007 a Nuova Società.

Il capogruppo del Partito Democratico in consiglio comunale a Torino, Stefano Lo Russo, affila le armi contro le delibera di rinegoziazione dei mutui, che verrà discussa domani, lunedì 7 ottobre, in Sala Rossa. Una delibera in cui la sindaca Chiara Appendino e l’assessore Sergio Rolando chiedono una revisione dei piani dei mutui a tasso variabile accesi del Comune di Torino, stabilendo una proroga degli stessi al 31 dicembre 2043.

«Si tratta di mutui in essere che hanno scadenza antecedente al 2043 che vengono prorogati al 31 dicembre 2043 – spiega Lo Russo – I tassi attuali piuttosto bassi e la disponibilità di Cassa Depositi e Prestiti a riconsiderare i debiti degli Enti locali, Città di Torino inclusa, hanno consistito alla premiata ditta grillina di confezionare una delle operazioni finanziarie più spudorate degli ultimi anni».

Per il capogruppo dei Dem è l’aritmetica stessa a dimostrare come questa rinegoziazione non porta guadagni ma maggior oneri per i torinesi. Tuttavia consente ad Appendino e alla sua amministrazione di chiudere gli ultimi due anni di mandato più leggeri di 32 milioni di euro. Infatti come evidenzia Lo Russo: «Il meccanismo che hanno escogitato è nella sua sfacciataggine in realtà piuttosto semplice. Allungando la durata dei mutui al 2043 vengono risuddivise le rate e gli interessi in modo tale che  dal 2020 al 2036 si risparmiano 64.848.086 euro, di cui ben 32.449.589 nei soli 2020 e 2021, anni di residuo governo grillino, dal 2036 al 2043 si pagano maggiori oneri per 97.315.291 La differenza, è aritmetica, di maggiori oneri complessivi a carico del Comune (97.315.291 – 64.848.086) è quindi di 32.467.205. Peraltro candidamente ammessi in delibera».

«Come la stessa relazione allegata alla delibera scrive si tratta di stipulare un “nuovo mutuo implicito” di 32.467.205. Altro debito – continua il capogruppo – In altri termini Appendino si autoriduce la rata di rimborso di 16,2 milioni per il 2020 e di altrettanti 16,2 per il 2021 in modo da poterli spendere nell’imminenza della campagna elettorale e scarica sul futuro dei torinesi maggiori oneri complessivi per 32,5 milioni».

«Altro che piano di rientro, risanamento finanziario, tenuta dei conti in ordine di cui si sono riempiti la bocca in questi anni. Una vera e propria operazione da raider finanziari di aumento del debito dei torinesi in barba a tutte le raccomandazioni della Corte dei Conti. Ci opporremo con fermezza in Consiglio Comunale a questo scempio», conclude Lo Russo.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Toni Algerini, ex Berloni Torino, batte il Covid: “Al Mauriziano non mollano mai”

"E' un virus subdolo e terribile, se ha messo in ginocchio persino me che sono un gigante". Ricoverato all'ospedale Mauriziano di Torino...

Folla nei negozi, più controlli e misure severe contro gli assembramenti

La folla che ieri si è riversata nel centro di Torino al primo giorno di apertura dei negozi del Piemonte in zona...

A novembre 2021 le ATP Finals, Appendino: “Tennis rilancerà immagine Torino”

Torino si prepara al 2021 anno in cui ospiterà le Atp Finals di Tennis. L'evento, uno dei più importanti a livello mondiale...

DAD, Cirio risponde alle critiche: “Decisione basata su dati scientifici”

Risponde alle critiche di cui è stato oggetto nel weekend scorso Alberto Cirio dopo la decisione di non riaprire le scuole medie...

Piemonte zona arancione, ecco che cosa cambia

Si attende ancora l'ufficialità che dovrebbe arrivare in un paio di giorni, ma intanto il governatore del Piemonte Alberto Cirio annuncia l'uscita...