7.4 C
Torino
venerdì, 24 Maggio 2024

Appendino cavalca “Fridays for Future” per giustificare la sua manovra Ztl. La Lega non ci sta.

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Dopo la dura contestazione da parte dei commercianti subita sotto il Comune, Chiara Appendino e il M5s di Torino hanno incominciato a giustificare l’entrata in centro a pagamento legando la nuova Ztl con le motivazioni del “Fridays for future”.

Un tentativo, secondo la Lega, di strumentalizzare e cavalcare la protesta ambientale. Lo spiega il capogruppo del Carroccio in Consiglio comunale Fabrizio Ricca, che rilancia il referendum sulla nuova normativa. «Ma quale scelta ecologica: Appendino vuole fare cassa», dice Ricca.

Leggi: Ztl, l’Area B di Milano che tanto piace ad Appendino e Lapietra non riduce lo smog

«Il Movimento 5 Stelle torinese – aggiunge  ha provato a cavalcare la protesta contro il cambiamento climatico per legittimare una sua iniziativa che di etico ha poco ma che serve soltanto a fare cassa».

«Ora che anche gli organizzatori della mobilitazione ecologista hanno rispedito al mittente questo tentativo di attaccare il cappello sui temi ecologici è venuto il tempo di far decidere ai cittadini se vogliono un Centro blindato e a pagamento o lo vogliono libero – afferma Fabrizio Ricca – Tartassare i cittadini con questo tipo di imposte, camuffate da buone azioni, non è bello. Per di più la decisione di Appendino rischia di piegare definitivamente il commercio cittadini che già versa in una situazione di crisi».

foto di ©Rawsht Twana

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano