12.2 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

Anche la blogger israeliana Dea in piazza a Torino con i No Green Pass

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Nuovo sabato pomeriggio di protesta per il popolo dei “No Green Pass” che si sono dati appuntamento come di consueto in Piazza Castello. Sul furgone adibito a palco si sono alternati momenti di musica Jazz agli interventi di chi manifesta contro il passaporto sanitario e i vaccini.

Tra di loro anche là blogger israeliana Dea che ha portato la sua esperienza: “Ci hanno mentito, per un anno e mezzo ci hanno raccontato che ne saremmo usciti solo con il vaccino. Il modello israeliano ha dato altri risultati. Siamo sei mesi avanti rispetto a quanto sta accadendo in Europa. In Israele sono aumentati i contagi e oggi il 95 per cento dei malati di Covid sono tutti vaccinati. Penso che anche in Italia sta avvenendo stessa cosa. 

Non siamo No Vax ma Free Vax, Free Pass, è una lotta per la libertà. Democrazia dovrebbe essere difesa di minoranze. Fatto che non ci sia possibilità di avere un’altra visione del mondo e spazio per altro pensiero è terrificante”.

I manifestanti sono più sfilati in corteo lungo via Po e raggiunto dapprima la sede della Rai in via Verdi: “24 ore su 24 le televisioni vi martellano il cervello”. 

Mentre un secondo gruppo, circa una ventina di persone, tra cui la proprietaria della Torteria “No Vax” di Chivasso Rosalba Spataro si è dato appuntamento sotto l’ospedale Molinette.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano