19 C
Torino
martedì, 21 Maggio 2024

Amiat, piano da 75 milioni e cessione del 31%

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Questa mattina i vertici Amiat, in prima e sesta Commissione del Comune di Torino, hanno presentato il piano industriale 2014-2017 per Amiat Spa, azienda che gestisce il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti sotto la Mole.
Sono stati previsti 75 milioni di euro di investimenti. Le voci principali del piano riguardano la conversione dell’impianto di compostaggio di Borgaro Torinese e il suo ampliamento (arriverà a 20mila metri quadrati, con 25 milioni di investimenti), il rinnovo del parco mezzi e delle attrezzature (30 milioni), l’ammodernamento dell’impianto Publirec di Collegno (3,5 milioni di euro) e la realizzazione di una nuova sede in via Ravina (9 milioni di euro). I vertici di Amiat hanno anche illustrato che prevedono di incrementare il servizio di raccolta porta a porta dei rifiuti e di sviluppare “’business contigui”.
Successivamente, nel pomeriggio, in una seduta congiunta della prima e terza Commissione, è stata illustrata la deliberazione del Consiglio Comunale che prevede la cessione del 31% del capitale sociale detenuta da FCT Holding srl, la finanziaria del Comune di Torino. La discussione sulla cessione proseguirà il prossimo venerdì 10 ottobre, in una seduta congiunta della prima e sesta Commissione.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano