16.8 C
Torino
mercoledì, 29 Maggio 2024

Alloggi sfitti dagli studenti: crisi anche a settembre

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

In commissione consiliare emergenza abitativa a Torino si parla della situazione degli alloggi lasciati sfitti dagli studenti universitari fuorisede, visto l’emergenza Coronavirus e la didattica a distanza.

Un problema che rischia di ripresentarsi a settembre e che, secondo l’assessora al Welfare Sonia Schellino, creerà “dei problemi anche dal punto di vista dell’occupazione di alloggi e abitazioni”.

“Abbiamo quindi già iniziato ad affrontare questo argomento – ha spiegato Schellino – con i sindacati degli inquilini e dei proprietari per pensare quali potrebbero essere nuove ipotesi per un uso transitorio di queste abitazioni”.

A questo si va ad aggiungere una “cronica mancanza di fondi” per le ristrutturazioni degli alloggi di edilizia pubblica, per questo, ha ricordato Schellino, devono crescere gli stanziamenti “a livello nazionale e regionale per poter aumentare gli alloggi di risulta”.

Dai dati dell’Osservatorio sulla condizione abitativa emerge che nel 2019 la Commissione emergenza abitativa ha esaminato 941 casi, la maggior parte sfratti per morosità, con il 33% di esiti positivi, mentre sono stati 847 quelli esaminati dall’agenzia Locare. Le domande per l’emergenza abitativa sono state 715 contro le 698 del 2018, 439 le assegnazioni di alloggi popolari (447 nel 2018 a fronte di una serie storica di 542 l’anno), 2 mila 268 gli sfratti per morosità, contro i 2 mila 116 del 2018, e 227 contro 148 quelli per finita locazione, con un aumento sul totale di circa il 10%

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano