11.1 C
Torino
lunedì, 28 Settembre 2020

L’ultimatum di Gl Events per non lasciare Torino: “Comune e Regione acquistino il Lingotto”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Il futuro torinese di Gl Events dipenderà della istituzioni. Lo dice senza mezzi termini il gruppo francese che da 12 anni si occupa degli eventi del Lingotto Fiere in un comunicato in cui dà un ultimatum a Comune e Regione: compare il Lingotto per assicurarne il futuro. 

Infondo, già a gennaio Gl Events faceva notare come ci fosse una “situazione di ricorrenti perdite finanziarie […] non più accettabile per il nostro gruppo”. Ora, spiegano in una nota, “La situazione è aggravata dall’attuale emergenza sanitaria e dalla conseguente crisi economica, che toccano parimenti le imprese private e le amministrazioni pubbliche: è ancora più forte quindi l’esigenza di trovare molto rapidamente una soluzione, nell’interesse di tutte le parti coinvolte”. 

- Advertisement -

“In tutti questi anni, GL events ha sostenuto da sé tutti gli oneri e gli investimenti necessari allo sviluppo di Lingotto Fiere, a favore della “Destinazione Torino”. Nessun quartiere fieristico e congressuale al mondo può avere successo nella attrazione di grandi eventi senza una stretta alleanza tra pubblico e privato. Oggi questo sostegno ripetutamente sollecitato è diventato una necessità assoluta” scrivono ancora dal gruppo transalpino avanzando una vera e propria proposta di governance per far diventare “il complesso immobiliare di Lingotto Fiere proprietà delle istituzioni pubbliche”.

- Advertisement -

Insomma, Gl Events cederebbe l’edificio e il suolo per un valore “inferiore a oltre il 25% rispetto agli importi emersi da transazioni comparabili effettuate di recente”. Ma la società sarebbe anche parte del nuovo assetto “a stretto contatto con le autorità pubbliche al fine di rilanciare il settore degli eventi, delle fiere e dei congressi a Torino e in Piemonte. Un settore capace di produrre un notevole impatto economico – oltre 70 milioni di euro all’anno – sul territorio (alberghi, ristoranti, trasporti…) e rappresenta circa 350 posti di lavoro diretti e indiretti”.

“Il modello di governance e le modalità operative della società di gestione dovranno essere studiati in tal senso con una sola condizione specifica necessaria per GL events: la cessazione delle perdite”, spiegano ancora nella nota aggiungendo che un dialogo è già iniziato sia con Regione che Comune e Camera di Commercio di Torino. “Nei primi colloqui è emerso il consenso in merito all’esigenza di mantenere un centro espositivo attivo a Lingotto Fiere, nonché il comune intento di trovare una soluzione soddisfacente”.

Ora l’obiettivo è accelerare i tempi così da poter ripartire a settembre con le prime fiere in un assetto nuovo.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

L’algoritmo dell’indignazione: politica e giustizia ai tempi dei social

Spesso accade che nelle Famiglie numerose, i genitori, i nonni e gli zii, anche se non lo ammetterebbero mai, hanno un figlio...

Imprese e Covid: alla Festa de L’Unità si discute di ripresa economica di Torino

E' stata l'occasione per confrontarsi su uno dei temi più dibattuti degli ultimi tempi l'incontro della Festa de L'Unità dal titolo “Torino...

Montagna conferma: “Sono indagato”

“Ieri, proprio a tre giorni dal largo successo elettorale, ho ricevuto un avviso di garanzia dalla Procura di Torino”, così il sindaco...

Moncalieri, Montagna appena eletto è indagato per falso

Il sindaco Pd di Moncalieri Paolo Montagna, appena eletto con il 60% dei voti, è indagato. Secondo la Procura di Torino avrebbe...

Di Maio e Zingaretti si spartiscono le amministrative 2021? Il Pd torinese risponde

La notizia diffusa sui quotidiani questa mattina di un accordo tra Pd e M5s sulle amministrative 2021 non lascia indifferente il Pd...