20.2 C
Torino
giovedì, 13 Agosto 2020

Addio Ztl, arriva “Torino Centro Aperto”: per 12 ore al giorno l’ingresso sarà a pagamento

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuovasocietà. Caporedattore dal 2017. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano.

Non si chiamerà più Ztl, ma “Torino Centro Aperto”. Il nuovo progetto, approvato oggi con delibera di giunta, di accesso regolamentato del centro di Torino. Il nuovo modo di regolamentare il traffico e l’accesso al centro cittadino che era stato uno dei cavalli di battaglia del Movimento 5 stelle e di Chiara Appendino e che l’assessora alla Viabilità Maria Lapietra ha portato avanti con convinzione, trovando anche il sostegno dei consiglieri pentastellati. Meno contenti invece i commercianti del centro che per più di un anno hanno protestato contro il progetto di un accesso al centro a pagamento per l’intera giornata trovando poco ascolto nell’amministrazione. Infatti, solo settimana scorsa Ascom e Confesercenti avevano lanciato un ultimo appello perchè la giunta convocasse un tavolo con le associazioni di categoria prima di votare il provvedimento. Parole vane perchè ora la delibera è stata approvata e resta solo da decidere modalità e tempi di attuazione, anche se la prima sperimentazione sarà entro il 2019 e l’entrata in vigore definitiva nel 2020.

Ma vediamo in cosa consiste Torino Centro Aperto. Per prima cosa cambiano gli orari di regolamentazione dell’accesso al centro cittadino: se la Ztl prevedeva che tra le 7,30 e le 10,30 solo i mezzi dotati di permesso potevano circolare ora l’orario si estende dalle 7,30 alle 19,30. Ma in queste 12 ore l’accesso al centro è consentito a tutti i veicoli, che dovranno però pagare un ticket. Le tariffe sono stabilite secondo il criterio che più inquini più paghi: si va dal pedaggio gratuito per i veicoli elettrici o ibridi, ai 3 euro dei benzina e i 5 euro dei diesel. E questo anche solo se si transita senza fermarsi, mentre per la sosta il ticket comprenderebbe un paio di ore gratuite. Nei programmi della Lapietra anche l’aumento del numero di telecamere per controllare eventuali furbetti che tenteranno di non pagare il biglietto.

- Advertisement -

Ecco la delibera:

- Advertisement -

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Concorso per dirigenti Comune di Torino, terza puntata: la riammissione

“Più che un concorso sembra una giallo a puntate”, così alcuni concorrenti hanno commentato le novità pubblicate ieri dalla commissione dell’ormai famoso...

Via Germagnano; ‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’: “Nessun blitz ferragostano, il Comune si assuma la responsabilità”

“‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’ esprimono forte preoccupazione riguardo all’iniziativa di sgombero del campo di via Germagnano che coinvolge circa 100...

Il pasticcio dei Voucher scuola della Regione Piemonte

Avevano appena ricevuto la mail che confermava l'assegnazione dei voucher scuola per l'anno 2020/21 ma 45 famiglie piemontesi hanno potuto gioire ben...

Torino città Covidless

La città di Torino ha ricevuto oggi l'attestazione Covidless Approach&Trust. Un riconoscimento frutto del progetto di ricerca che ha analizzato le risposte...

Caso Embraco, Cirio: “Da parti in causa serve risposta chiara”

"Seguo la vicenda Embraco ormai da due anni ed è inammissibile che solo oggi, per la prima volta, si siano trovati seduti...