14.3 C
Torino
giovedì, 30 Maggio 2024

Aborto, decreto Nosiglia: basta confessarlo per essere perdonati. Ma solo per la Sindone

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Per chi abortisce arriva il perdono della Chiesa, ma a tempo determinato. Il vescovo di Torino Cesare Nosiglia, in concomitanza con l’ostensione della Sindone, ha firmato un decreto in cui i preti della diocesi potranno assolvere dal peccato dell’aborto volontario durante la confessione.
In sostanza dal 19 aprile al 24 giugno, quando verrà mostrato ai fedeli e pellegrini il Sacro lino, si potrà cancellare questo peccato, senza pericolo di scomunica o senza dover seguire una trafila ben più lunga. Infatti chi commette aborto per la Chiesa incorre nella scomunica “latae sentetiae”, e cioè in una scomunica automatica, senza bisogno che venga dichiarata.
Una deroga come detta voluta da Nosiglia, che ha firmato il decreto il 18 febbraio, mercoledì delle ceneri.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano