10.9 C
Torino
giovedì, 23 Maggio 2024

5 cose che (forse) non sapevi sulle valvole termostatiche

Più letti

Nuova Società - sponsor

Negli ultimi anni, l’attenzione degli italiani si è spostata verso logiche green, portando a una rivoluzione non solo concettuale ma, anche e soprattutto, di comportamenti e abitudini. Secondo i risultati del 6° Osservatorio nazionale sullo stile di vita sostenibile, la tendenza generale nel nostro Paese è un aumento diffuso dell’impegno verso le questioni ambientali.

Nel 2020, il 38% degli italiani si dichiarava appassionato al tema della sostenibilità ed un altro 34% si diceva interessato. Complessivamente, 36 milioni di italiani (su 50,6 milioni di maggiorenni) affermavano di essere coinvolti da questa tematica e di adottare atteggiamenti oculati per non impattare sull’ecosistema.

In casa, sempre più persone scelgono di installare le valvole termostatiche, fondamentali per controllare l’energia termica utilizzata da ogni termosifone e non inficiare negativamente sul benessere ambientale. 

Ma quanto ne sai sull’argomento? In questo articolo, vedremo 5 cose che (forse) non conoscevi.

Le valvole termostatiche sono obbligatorie

Dal primo luglio 2017, l’Unione Europea ha reso obbligatorie le valvole termostatiche per tutti i condomini con riscaldamento centralizzato. L’obiettivo è evitare il consumo eccessivo di energia termica e, di conseguenza, la dispersione nell’atmosfera di sostanze nocive per l’ambiente. Secondo diverse stime il risultato è stato raggiunto e, ogni anno, le valvole assicurano una riduzione dei consumi di ogni abitazione fino al 20%.

Non fanno ‘bene’ solamente all’ambiente

Le valvole termostatiche non fanno ‘bene’ solo all’ambiente ma, incentivando l’uso parsimonioso dell’energia termica, consentono di risparmiare sulle spese del riscaldamento condominiale senza rinunciare ad avere un’abitazione calda. 

Le valvole vengono installate su ogni radiatore presente in casa e abbinate a un contabilizzatore di calore (per saperne di più sui contabilizzatori di calore visita il sito di Sarci.it), necessario per rilevare i consumi di ogni calorifero e attuare azioni correttive.

D’estate non devono essere dimenticate

Generalmente, le valvole termostatiche presentano una scala di valori da 1 a 5, dove l’1 corrisponde alla temperatura più bassa mentre il 5 a quella più alta che il termosifone può emanare. Per regolare la temperatura del radiatore in inverno, basta ruotare la valvola sul valore desiderato.

Ma cosa fare d’estate? Con l’arrivo della bella stagione, le valvole termostatiche non vanno dimenticate! È buona abitudine impostare le valvole in corrispondenza del valore più alto (genericamente il 5) in modo tale da ridurre la formazione di sedimenti che potrebbero ostacolare, con l’arrivo delle basse temperature, il corretto funzionamento dell’intero impianto.

Si stanno facendo… intelligenti

L’evoluzione tecnologica degli ultimi anni ha interessato anche le valvole termostatiche. Sul mercato esistono moltissimi modelli di valvole termostatiche smart che si collegano ad internet grazie alla connessione wireless e possono essere controllate da remoto direttamente dal proprio smartphone.

Esistono anche le valvole termostatiche per automobili

Le valvole termostatiche non trovano felice applicazione solamente nell’ambito del riscaldamento domestico. Un qualcosa di molto simile viene utilizzato anche per le automobili: si tratta di un vero e proprio termostato che regola la temperatura del motore, affinché sia sempre nel range di migliore efficienza.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano