3.1 C
Torino
venerdì, 28 Gennaio 2022

194, le associazioni diffidano la Regione Piemonte: “Legge non viene applicata correttamente”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Una diffida alla Regione Piemonte è stata depositata da parte delle associazioni aderenti alla “Rete Più di 194 voci Torino”, nata per sostenere l’autodeterminazione e la salute sessuale” e da Laiga (Libera associazione italiana ginecologi). 

Nel testo si spiega che la Regione “non applica non solo la Legge 194/1978 ma neppure l’Aggiornamento delle Linee di indirizzo sulla interruzione volontaria di gravidanza con mifepristone e prostaglandine emanate dal Ministero della Salute, sulla base delle indicazioni del Consiglio Superiore di Sanità e dell’Agenzia Italiana del Farmaco il 12 agosto 2020 che prevedono il ricorso all’interruzione volontaria di gravidanza con metodo farmacologico fino a 63 giorni pari a 9 settimane compiute di età gestazionale in day hospital o presso strutture ambulatoriali/consultori pubblici adeguatamente attrezzati, funzionalmente collegati all’ospedale ed autorizzati dalla Regione, come in uso nella gran parte degli altri Paesi europei- riconoscendo l’autodeterminazione delle donne e favorendo un importante risparmio per il Sistema sanitario pubblico”.

Insomma per le associazioni la “Regione Piemonte, non solo non si è ancora adeguata alle nuove Linee di indirizzo delle autorità sanitarie nazionali, ma ne ostacola, di fatto, l’applicazione e, in caso di interruzione di gravidanza con metodo farmacologico, continua a richiedere il ricovero sino a tre giorni”.

Per questo viene chiesto che sia “consentito a tutte le donne, dopo un’adeguata informazione, di scegliere il metodo con il quale effettuare l’interruzione della gravidanza e il luogo ove effettuarla” e che “vengano individuati i consultori, che, in stretto collegamento con le strutture ospedaliere di riferimento, possano garantire ed eseguire l’interruzione volontaria di gravidanza”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano