2.6 C
Torino
venerdì, 27 Novembre 2020

#WhereIsBoris, “Keep calm and carry on”. Il Coronavirus nel Regno Unito si affronta cosi

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Torino, 15 novembre studenti assediano le banche

Torino: studenti in piazza in assedio alle banche. Tensione con la polizia che accenna ad una carica. © RIPRODUZIONE RISERVATA
Susanna De Palma
Susanna De Palma
Laureata in Scienze Politiche. Giornalista professionista dal 2009. Fin dagli anni del liceo collabora con alcuni giornali locali torinesi, come la Voce del Popolo e Il Nostro Tempo. Dal 2005, pur mantenendo alcune collaborazioni, passa agli Uffici Stampa:Olimpiadi 2006, Giunta regionale, Ostensione della Sindone. Attualmente giornalista presso l'ufficio stampa del Consiglio regionale Piemonte.

Beatrice, è assistente legale nella City e vive nel quartiere Notting Hill, a Londra, da dieci anni ormai.

L’azienda per cui Beatrice lavora non è ancora “on lockdown”, quindi a meno che un dipendente non abbia patologie preesistenti è obbligato a presentarsi a lavoro. L’azienda presto adotterà un sistema che comporterà  la divisione dei vari team, in gruppi; ogni gruppo si alternerà per lavorare da casa a turno per circa una settimana. Secondo l’azienda questo sistema diminuirà il contagio fra i dipendenti.

«Questo sistema non limiterà in alcun modo il contagio – spiega Beatrice –  soprattutto perché oltre il 90% dei professionisti a Londra sono come me, vincolati all’uso dell’affollatissima metropolitana per recarsi a lavoro, sottoponendosi quindi ad un alto rischio di contrarre il virus.  Per non parlare del fatto che moltissimi uffici in Gran Bretagna hanno adottato da tempo il sistema “hot desking”, il quale prevede l’uso di postazioni non assegnate, facendo sì che ogni giorno un dipendente abbia un “vicino di scrivania” differente, aumentando quindi il contatto con persone potenzialmente infette».

Aggiunge Beatrice: «Negli uffici si respira aria di paura, nonostante questi siano muniti di gel antibatterici in ogni angolo. La paura di contrarre il virus è chiaramente visibile sul volto di ogni collega e tutti abbiamo difficoltà a concentrarci sul nostro lavoro, ma di quarantena come in Italia per ora qui non se ne parla. Molte scuole, aziende private e multinazionali con sede a Londra stanno chiudendo temporaneamente le loro sedi di propria iniziativa, ignorando l’approccio del governo che sembra dire solamente: “Keep calm and carry on”». 

Per adesso il sistema sanitario britannico (l’NHS) consiglia di chiamare il numero 111 e spiegare all’operatore i propri sintomi, e se l’operatore lo riterrà opportuno, un’ambulanza arriverà a casa.

«Ho alcuni amici italiani a Londra – racconta ancora Beatrice –  che in questi giorni hanno chiamato l’111, comunicando sintomi quali febbre e tosse, ma a oggi non hanno ricevuto alcuna assistenza medica. La sanità britannica ha inoltre comunicato nelle scorse 48h che i test per il Covid-19 verranno riservati esclusivamente alle persone per le quali è stato ritenuto opportuno il ricovero. Questo significa che noi italiani residenti a Londra non abbiamo un’idea chiara di quanto sia grave la situazione qui e di quale sia il vero numero di contagiati, dato che la Sanità sta limitando al massimo il diritto di ognuno a sottoporsi alle analisi necessarie».

«La gente qui è amareggiata e delusa dalla mancata assistenza politica e sanitaria da parte del governo britannico. Negli ultimi due giorni, nonostante i casi di Covid-19 siano aumentati notevolmente in Gran Bretagna, il primo ministro Boris Johnson non ha rilasciato alcuna dichiarazione in merito. Su Twitter l’hasthag di questi giorni  #WhereIsBoris ha scatenato migliaia di tweet da parte di persone che come me si stanno chiedendo dove sia il primo ministro inglese in tutto questo e come mai nessuna misura sia ancora stata adottata per affrontare questa pandemia e salvaguardare il futuro di milioni di persone, tra i quali i tanti giovani italiani venuti a Londra per migliorare il proprio futuro”», conclude Beatrice.

Intanto, il Consolato italiano di Londra ha creato una task force per assistere tutti gli italiani residenti nel Regno Unito che necessitano di qualsiasi tipo di assistenza legata all’emergenza coronavirus. La task force è stata realizzata anche grazie al supporto della clinica italiana “Dottore London” e con l’Italian Medical Society of Great Britain, attivando un servizio di consulenza dedicato a coloro che si trovino in condizioni mediche precarie: email sociale.londra@esteri.it – telefono: +44 (0) 20 7936 5928/30/31 (in orario di ufficio) +44 (0) 7850 752895 (dopo le ore 18)

La prescrizione di medicinali o l’effettuazione del test per il covid-19 rimane però esclusiva prerogativa delle autorità sanitarie britanniche che possono essere contattare al numero dedicato 111.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Smat, Standard & Poor’s migliora il rating

Passa da BBB- a BBB con un outlook “stabile” il racing di Smat, l’utility torinese a partecipazione totalmente pubblica, che gestisce il...

Torino 2021, Saracco non si candida

Il rettore del Politecnico di Torino Guido Saracco non si candiderà con il centrosinistra alla corsa di sindaco, nelle amministrative del 2021....

Carretta e Furia: “Primarie sospese, si lavora sul programma”

“Questa sera la coalizione di centrosinistra si è ritrovata e si è registrata un'ampia convergenza sulla proposta del PD: le primarie restano...

Violenza sulle donne e media, blitz femminista contro Rai e Ordine dei Giornalisti

Sanzionato l'Ordine dei Giornalisti, in corso Stati Uniti, e la sede Rai di via Verdi da attiviste femministe nella Giornata Mondiale contro...

In libreria Calma&Karma di Gioele Urso: “Il noir è un modo per far luce su quel che vogliamo ignorare”

Torino, ai bordi di corso Moncalieri, sulle sponde del fiume Po all'altezza del Giardino Ginzburg, viene trovato il corpo senza vita di...