17.3 C
Torino
martedì, 21 Maggio 2024

Ucraina-Russia, l'enigma del cessate il fuoco

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

L’enigma, o bluff, del cessate il fuoco fra Ucraina e Russia impera sul vertice Nato che inizia oggi in Galles, il quale vede schierati tutti gli Stati dell’Alleanza atlantica a difesa del puzzle occidentale contrapposto all’eterno nemico orientale. Uno schema da guerra fredda, si vocifera, anche se non è possibile non fare i conti con le trasformazioni avvenute lungo il cosiddetto “Secolo breve”.
Il presidente ucraino Petro Poroshenko e il leader del Cremlino Vladimir Putin hanno raggiunto un accordo per il cessate il fuoco nell’Ucraina dell’Est, nonostante le rettifiche e le precisazioni che hanno accompagnato l’annuncio: il sito della presidenza ucraina ha modificato il testo del comunicato sostituendo l’espressione “cessate il fuoco permanente” con “regime di cessate il fuoco” e il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, ha sottolineato che “la Russia non può fisicamente mettersi d’accordo sul cessate il fuoco dato che non è parte del conflitto”. Puntini sulle i che fanno intendere lo stato di precarietà del cessate il fuoco, probabilmente solo temporaneo.
L’accordo è figlio della furbizia di Putin, per mischiare le carte all’imminente summit Nato, e del tentativo di Poroshenko di presentarsi agli occhi del mondo come leader pragmatico e credibile. Quel che si muove attorno al cielo dell’Ucraina non lascia intendere a una possibile e prossima pacificazione: il premier dell’Ucraina Arseni Iatseniuk ha annunciato al Consiglio dei ministri un “Progetto muro” per costruire una materiale divisione con la Russia e alti funzionari dell’Alleanza atlantica stanno inaugurando il vertice in Galles sostenendo che “la Russia non è più un partner della Nato”. Oggi sembra meno incombente un’impennata del conflitto fra Ucraina e Russia così come risulta difficile credere all’ipotesi di un’Europa totalmente indipendente dal gas e dagli investimenti russi.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano