16.1 C
Torino
martedì, 28 Giugno 2022

Tutto pronto per il Torino Pride, ma senza patrocinio della Regione

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Diciassette carri, 20striscione, 34 adesioni al manifesto politico. Ma non la Regione Piemonte. Tutto è pronto per il Torino Pride di sabato 18 giugno con partenza alle 16.30. 

Il documento politico del Coordinamento Torino Pride, che tratta non solo tematiche lgbtq+ ma anche temi come sicurezza, immigrazione, affido famigliare, tutela della legge 194, è stato presentato in Commissione consiliare in Comune dal coordinatore Marco Giusta.

E mentre il Comune di Torino attraverso ‘assessore ai Diritti Jacopo Rosatelli ha ribadito l’adesione alla giornata del Pride e assicurato il sostegno della Città per la candidatura all’Europride 2026 altrettando non si può dire della Regione Piemonte che non ha concesso il patrocinio e che non manderà alcun rappresentante ufficiale. 
Durante la commissione non è mancato qualche accenno polemico. “Naturalmente noi ribadiamo il diritto di ciascun individuo a manifestare le proprie idee – ha osservato la consigliera FdI Paola Ambrogio -, ma non posso che essere preoccupata per lo svolgimento della manifestazione, con il patrocinio del Comune, visto che in manifestazioni simili spesso i partecipanti ostentano il proprio sentimento sessuale con azioni e comportamenti che possono urtare la sensibilità di qualcuno, anche con riferimenti alla religione. Chiedo dunque massima attenzione da parte della Città”. A replicare, il coordinatore Giusta.” Noi ci sentiamo liberi e libere – ha detto – di portare avanti nelle nostre modalità ogni forma di espressione e libertà”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano