18.7 C
Torino
sabato, 13 Agosto 2022

No Tav, lettera aperta ai sindaci: “Valsusa non è in vendita. Rifiutare le compensazioni”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Una lettera aperta ai sindaci e amministratori locali della Valsusa da parte del Movimento No Tav

“La Valle di Susa non è in vendita e non lo sono neanche i suoi abitanti. Per questo motivo vi chiediamo di impegnarvi a difendere il territorio in cui viviamo tutti insieme e non a partecipare alla sua devastazione”. 

Il movimento ribadisce come la Torino-Lione sia un’opera “inutile che porterà con sé solo morte, distruzione e spreco di risorse pubbliche – aggiungono -. Un’opera di guerra, in un tempo in cui insieme cerchiamo la pace, inserita nei corridoi di mobilità militare Europei”. Per questo i No Tav chiedono agli amministratori di non dare spazio “né per opere di accompagnamento alla distruzione, né per opere di compensazione”. Opere che, secondo il movimento, se accettate “rischiano domani di veder precludere per i comuni e i privati la possibilità di chiedere i danni per eventuali disastri arrecati dai cantieri. Non ci sono compensazioni o accompagnamenti possibili che possano vederci complici di chi vuole distruggere questa valle e sprecare e rubare il denaro pubblico”, affermano infine i No Tav.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano