20.9 C
Torino
domenica, 26 Maggio 2024

Turin Marathon: vince l’azzurra Iozzia, Kenya dominante tra gli uomini

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Una Turin Marathon tinta d’azzurro: è infatti l’atleta italiana Ivana Iozzia a vincere la 27esima edizione della maratona di Torino per le donne. L’atleta comasca ferma il cronometro a 2h34’13” e coglie il suo primo grande successo in carriera. La Iozzia, 40 anni, ha dominato dall’inizio alla fine, prova ne sono i distacchi inflitti alle avversarie: la seconda è la portoghese Monica Da Silva, che passa il traguardo dopo circa sette minuti (2h41’43”). Terza un’altra italiana, Elena Carsaro, che chiude a 2h43’00”.
Così come spesso accade nella vita, Iozzia ha dovuto superare momenti difficili, che è riuscita a superare anche grazie all’atletica: «Bisogna avere tanta fede, credere che c’è sempre una speranza – afferma a fine gara – E lo dico a tutti coloro che sono ammalati, non bisogna mai darsi per vinti e arrendersi. Questa vittoria è la bella conclusione di una stagione lunga, in cui ho avuto qualche problema fisico, ma che è finita bene».

Patrick Terer

E se in campo femminile sul podio sventola il tricolore, in campo maschile a dominare è il Kenya, con ben tre atleti ad occupare i tre gradini del podio. Vittoria a Patrick Terer (2h08’52”), davanti a Benjamin Kolum (2h09’50”) e Samson Kagia (2h10’38”). Terer si è staccato definitivamente dal gruppo al 34° chilometro, davanti al Politecnico, e lì ha iniziato la sua corsa verso la vittoria. Una Torino particolarmente congeniale per l’atleta keniano, che bissa il successo dell’edizione 2012. «Mi sentivo ancora meglio del cento per cento della condizione – ha commentato – ho puntato molto su questa corsa che con il nuovo percorso mi si addice molto e sono stato premiato, migliorando di oltre due minuti il mio personale».
 
Benjamin Kolum, secondo classificato
Benjamin Kolum

Al quarto posto un altro keniano, Robert Ndiwa, mentre primo degli azzurri è Domenico Ricatti, quinto: il pugliese dell’Aeronautica chiude in 2h16’43” la sua maratona, davanti a Stefano Scaini, sesto (2h17’25”).
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano