13.7 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

Torino, multa per chi non ha patente e libretto con lo stesso nome: chi è esente e chi no

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il panico serpeggia tra i torinesi e non solo a causa della notizia che sul libretto degli automezzi, dal 3 novembre, devono essere indicati i nomi, non solo del proprietario, ma pure dei conducenti che potevano utilizzare l’auto. La multa, in caso di mancato rispetto della norma, è salatissima: ben 705 euro.
Il provvedimento, però, è meno terribile di  quanto sembra.
In primo luogo, infatti, il provvedimento non riguarda le auto prestate ai familiari.
A chiarire i dubbi sulla circolare  del 10 luglio attuativa dell’articolo 94 4 bis del codice della strada, ci pensa Maurizio Vitelli, il direttore generale della Motorizzazione all’Ansa.
«E’ importante precisare – ha detto – che la norma esclude tutte le situazioni in cui la natura dei rapporti intercorrenti tra proprietario del veicolo e soggetto che ne dispone abbiano rapporti di parentela. Quindi non riguarda, per esempio, il figlio che guida la macchina del padre o situazioni simili». La norma non si applica anche in caso di «veicoli che rientrano nella fattispecie dei fringe benefit o delle vetture di servizio». Tra le categorie incluse, invece, ci sono «le società di autonoleggio, i veicoli in comodato, quelli di proprietà di minorenni non emancipati ed interdetti, quelli messi a disposizione della pubblica amministrazione a seguito di una pronuncia giudiziaria». Tutti casi cioè, spiega Vitelli, «in cui era necessario individuare uno strumento che permettesse l’identificazione certa del soggetto responsabile della vettura circolante e di eventuali violazioni al codice della strada e connesse sanzioni. Inoltre – precisa il direttore generale della Motorizzazione – un altro fenomeno che si è voluto contrastare con questa norma è quello delle intestazioni fittizie».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano