25.7 C
Torino
martedì, 16 Luglio 2024

Salone del Gusto, intervista al sottosegretario del ministero dell’Ambiente Silvia Velo

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il Salone del Gusto di Torino ha ospitato Silvia Velo, sottosegretario del ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare. Nuovasocietà l’ha intervistata, con una particolare attenzione alla città di Torino e alle numerose questioni aperte per quanto riguarda il settore enogastronomico.
Sottosegretario, quanto sono importanti eventi come il Salone del Gusto e Terra Madre per la preservazione delle tradizioni enogastronomiche locali?
Sono importantissime, perché la conoscenza e la diffusione di questi valori, di queste ricchezze, di queste straordinarie tipicità è la diffusione della cultura italiana tra tutti i cittadini. Per salvaguardarle noi dobbiamo farle conoscere e questi eventi sono molto importanti anche per l’ambiente in quanto aiutano la salvaguardia della biodiversità di tutte le specie, comprese quelle ittiche. Noi viviamo immersi nel Mar Mediterraneo, straordinaria culla di biodiversità, ma che a causa di pesca intensiva, antropizzazione e inquinamento, sta perdendo le proprie caratteristiche. Come Italia, all’interno dell’Unione Europea siamo impegnati, attraverso l’attuazione della direttiva comunitaria sulla Marine Strategy, a salvaguardare la biodiversità.
In questo senso, pensa che Torino sia una città all’avanguardia?
Io sono convinta di sì, in primo luogo perché è la culla eventi come questo. Io conosco Torino e la sua amministrazione e nel pomeriggio ci sarà un incontro in Comune con l’assessore all’Ambiente Enzo Lavolta. Parleremo di Smart City, di mobilità sostenibile, di efficienza energetica e di come le città possano contribuire a modernizzarsi e a ridurre l’emissione di Co2 nel pianeta. Il fatto che il capoluogo piemontese abbia colto l’occasione della mia presenza per voler discutere di questi progetti e trovare una collaborazione con il ministero dell’Ambiente dimostra che è storicamente interessato ai temi e proiettata verso un futuro di sostenibilità ambientale.
Il patron di Slow Food Carlo Petrini ha detto che i contadini sono l’unica ricchezza della Terra. Vuole commentare questa affermazione?
Io vengo da una famiglia contadina, dal territorio della Val di Corgna, in provincia di Livorno, dove c’è una delle principali tradizioni italiane di contadini e pescatori. Si tratta di persone che vivono con i prodotti che la natura offre. Non posso quindi che essere d’accordo con Petrini.
Michelle Obama in un videomessaggio ha ringraziato e fatto gli auguri a Terra Madre. La First Lady è anche la promotrice della principale campagna di educazione alimentare degli Stati Uniti. Pensa che temi del genere vadano toccati anche in Italia?
Sì, senza alcun dubbio. Va detto che le campagne americane prendono ad esempio la dieta mediterranea, il nostro modo di mangiare, la nostra piramide alimentare. Un modo di nutrirsi sano che però la globalizzazione ha allontanato. Per questo penso ci sia bisogno di iniziative sull’educazione alimentare, come l’ultima promossa di recente dal ministero dell’Ambiente.
 

a3a1 a2

@elisabellardi

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano