20.9 C
Torino
venerdì, 7 Agosto 2020

Torino, M5s perde un altro consigliere comunale: Curatella al misto

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Andrea Doi
Andrea Doi
Giornalista dal 1997. Ha iniziato nel '93 al quotidiano La Nuova Sardegna. Ha lavorato per Il Manifesto, Torino Sera, La Stampa. Tra le sue collaborazioni: Luna Nuova, Il Risveglio del Canavese, Il Venerdì di Repubblica, Huffington Post, Avvenimenti e Left. Dal 2007 a Nuova Società, di cui è il direttore dal 2017.

Per ora non è passato con i Moderati, come si vociferava da tempo. Aldo Curatella ha comunque lasciato il Movimento Cinque Stelle e alla ripresa dei lavori del consiglio comunale di Torino non siederà più nei banchi della maggioranza, ma in quelli del Gruppo Misto, accanto ad altre due dissidenti: Deborah Montalbano e Marina Pollicino.

Ad annunciare il suo addio (ma non le dimissioni dalla Sala Rossa in cui è approdato grazie ai voti degli elettori pentastellati) è lo stesso Curatella con una lettera indirizzata al presidente del Consigli comunale, Francesco Sicari.

- Advertisement -

Scrive Curatella: “Tenendo in conto le ormai evidenti difformità di azione e visione politica tra quanto era originariamente negli ideali e nella politica del Movimento Cinque Stelle e le attuali azioni politiche, in ambito nazionale e locale, Le comunico a far data da oggi la mia uscita dal Gruppo di Maggioranza denominato Movimento Cinque Stelle e, sulla base di quanto previsto dall’art.5 del vigente regolamento del Consiglio Comunale, l’adesione al Gruppo Misto di Minoranza”.

- Advertisement -

Dunque anno nuovo vita nuova per il consigliere di origini pugliesi che con la maggioranza aveva rotto da tempo. Con un passato di simpatie vicine alla destra di Alleanza Nazionale, Curatella nel Movimento di Beppe Grillo aveva trovato la sua strada, nel 2009. Poi la sorprendente vittoria di Chiara Appendino e per lui si aprono le porte della Sala Rossa con poco più di 230 preferenze. Un Movimento in cui non si riconosce più.

Dicevamo dei Moderati: Aldo Curatella è stato corteggiato dal “pigliatutto” onorevole iglesiente Giacomo Mimmo Portas, che aveva intenzioni di pescare nella maggioranza grillina per rafforzare le sue fila. Cataldo però non ha fatto quella scelta, preferendo il misto, appunto.

La rottura con i suoi ormai ex compagni pentastellati era stata sancita già in precedenza: l’ingegnere infatti ormai latitava dalle chat interne ed era spesso assente il lunedì. Più che separati in casa.

Ma comunque nessuna dimissione. Preferisce Curatella stare in Consiglio Comunale anche se, come detto, è arrivato con i voti di quel Movimento a cui lui, con un post che pubblichiamo integralmente, dice addio per sempre, spiegando che il M5s non è più quello di prima.

Intanto alla maggioranza restano 22 consiglieri compresa la sindaca. Al pelo e quanto basta ad andare avanti.

LEGGI TUTTE LE REAZIONE POLITICHE

 

L’addio di Aldo Curatella

Nel 2009, dopo anni di vuoto politico, riconobbi in un piccolo gruppo di persone una forza politica alternativa che poneva al centro delle proprie azioni le persone, indipendentemente dalla loro estrazione.
Una forza politica che nel motto “uno vale uno” non voleva indicare uno vale l’altro ma che ciascuno contava, in modo orizzontale, per portare avanti azioni politiche discusse e valutate nel merito e non basate su personalismi, interessi personali o, peggio ancora, privati.
Nonostante in questi ultimi periodi abbia cercato di portare avanti le tematiche che sin dalle origini hanno caratterizzato il Movimento 5 Stelle a Torino, dopo un lungo periodo di riflessione e valutazione, mi trovo a rendermi conto che alla fine quel Movimento nato da pochi nel 2009 non esiste più!

Non è più possibile discutere nel merito delle problematiche dei cittadini, soprattutto se questo vuol dire mettere in evidenza le gravi mancanze e i gravi problemi creati da chi ricopre un ruolo rilevante ma che risulta intoccabile. Problematiche che si iniziano ad affrontare realmente solo dopo una “promozione” sul campo, con relativo passaggio di deleghe, e soprattutto solo dopo intervento dello Spresal con tanto di apposizione di sigilli per gravi mancanze in relazione alla sicurezza nei luoghi di lavoro.

Era il Movimento delle persone che volevano ridare centralità alle istituzioni, risolvendo le problematiche burocratiche che ogni giorno i cittadini devono affrontare in modo da semplificare loro la vita, indipendentemente dalla propria vicinanza politica. Si è invece diventati quelli che si inventano tavoli paralleli e alternativi alle istituzioni stesse, di ogni livello, che facilitano e bypassano la politica decidendo quali debbano essere i cittadini/comitati da favorire (di serie A), forse perché più vicini politicamente, e quali cittadini/comitati (di serie B) senza alcuna facilitazione perché preferiscono seguire iter istituzionali o forse perché non politicamente vicini.

Era il Movimento che lottava contro il conflitto di interessi, senza nessuna differenza sul chi e come, perché ogni conflitto di interesse accettato era una perdita per i cittadini stessi. Invece, ora, si fa scrivere o quantomeno suggerire un intero piano di sviluppo a chi ha ormai in mano le redini di questo Blog delle Stelle mediante la piattaforma Rousseau che rappresenta il modo perfetto per decidere facendo credere che la scelta sia condivisa, favorendo quindi il passaggio da cittadini attivi a cittadini tifosi. Piattaforma più volte finita sotto indagine per problemi legati alla privacy e alla mancanza di trasparenza, a cui volontariamente non mi sono mai iscritto forse unico tra tutti gli eletti in ambito nazionale.

Era il Movimento che puntava a innovare il Paese ma mettendo al centro le persone, senza glissare sui possibili impatti sanitari, sociali, ambientali ma affrontandoli senza timore prima di avviare l’innovazione stessa e dirimendo ogni dubbio, valutandone i rischi specifici. Ora si punta all’innovazione a tutti i costi, rimandando ai posteri le valutazioni del rischio e le conseguenze.

Manca purtroppo una visione strategica di cosa si voglia far diventare la Città e forse anche il Paese, o almeno questo viene mostrato esternamente, si agisce spesso pensando solo all’ordinaria amministrazione ma senza progetti strutturali che non siano stati ereditati per poi essere, eventualmente, modificati di direzione giusto per prendersene il merito, e non si percepisce nelle azioni quale voglia essere la direzione di sviluppo da voler far prendere alle Periferie che non siano interventi di “agopuntura” localizzata ma senza riuscire a individuare quale sia almeno la traccia di visione strategica futura.

Fare politica, secondo me, vuol dire condividere ogni singola azione per arrivare a una decisione comune, che si tratti di definire le politiche sull’innovazione, sull’urbanistica, sui trasporti, sul sociale o i nomi di chi dovrà ricoprire determinati ruoli. Politica non è arrivare con scelte già effettuate, non si sa dove e con chi, per poi agire solo per convincere che la decisione è condivisa.

Non era questo il Movimento, non erano queste le finalità che ci si prefiggeva e non è più possibile restare all’interno di un contenitore che ha solo l’intestazione originaria ma è ormai quanto di più lontano si possa immaginare e basato solo su narrazioni politiche via social.

Ed è anche per queste ragioni che oggi ho consegnato al Presidente del Consiglio del Comune di Torino la lettere con cui comunico la mia uscita dal gruppo politico che si riconosce e fa capo a questo Movimento 5 Stelle.

 

 

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Il pasticcio dei Voucher scuola della Regione Piemonte

Avevano appena ricevuto la mail che confermava l'assegnazione dei voucher scuola per l'anno 2020/21 ma 45 famiglie piemontesi hanno potuto gioire ben...

Torino città Covidless

La città di Torino ha ricevuto oggi l'attestazione Covidless Approach&Trust. Un riconoscimento frutto del progetto di ricerca che ha analizzato le risposte...

Caso Embraco, Cirio: “Da parti in causa serve risposta chiara”

"Seguo la vicenda Embraco ormai da due anni ed è inammissibile che solo oggi, per la prima volta, si siano trovati seduti...

Viviana Ferrero contro le telecamere di Appendino: “Riappropriamoci di luoghi della città”

Ieri era stata Maura Paoli a dare il via alle polemiche interne alla maggioranza Cinque Stelle sulla vicenda dell'istallazione di 300 nuove...

Telecamere a Torino, Maura Paoli attacca la sua sindaca: “Politica acchiappa like”

Sembrava regnare la pace e la concordia in casa Cinque Stelle dove la maggioranza risicata della sindaca si era ricompattata dopo liti,...