7.6 C
Torino
venerdì, 24 Maggio 2024

Tensioni in Val di Susa: lacrimogeni su No Tav nei sentieri

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Sale la tensione in Val di Susa, dove il Movimento No Tav in occasione della ripartenza dei lavori di allargamento del cantiere della Torino-Lione ha ripreso la lotta.

Gli attivisti, circa un centinaio, si sono dati appuntamento alle 18 per raggiungere il presidio dei Mulini del torrente Clarea, ma la strada è stata interrotta da un jersey dopo un’ordinanza firmata nella notte dal Prefetto che rendeva off limits la zona.

Il presidio è rimasto all’interno della zona per oltre 24 ore e i No Tav partiti da Giaglione per portare i viveri ai compagni hanno dovuto percorrere i sentieri. Qui il lancio di lacrimogeni da parte delle Forze dell’Ordine, mentre un gruppo è riuscito a raggiungere il presidio accolto dai cori.

In aggiornamento

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano