13.3 C
Torino
giovedì, 30 Maggio 2024

Tav, “La ratifica del trattato Italia-Francia è un imbroglio”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

C’è del marcio nella ratifica del trattato sul Tav. Un imbroglio, denunciano gli attivisti del movimento No Tav e del Movimento Cinque Stelle che insieme si oppongono a quella che è stata soprannominata la grande opera inutile.
Alla vigilia della manifestazione nazionale che si terrà il 16 novembre in Val di Susa, gridano che smaschereranno la truffa.
Oggi quel Decreto Legge è approdato al Senato, dopo il sì della Camera.
«Un semaforo verde scontato – ha spiegato Daniel Ibanez, coordinatore francese del movimento degli oppositori dell’opera ferroviaria – perché il testo va ratificato dai parlamenti nazionali senza emendamenti».
Ma gli attivisti avvertono: alla fine del 2012 i rappresentanti dei governi di Roma e di Parigi hanno sottoscritto una modifica che ha previsto la riduzione del pedaggio per i Tir che transitano per i tunnel del Bianco e del Frejus dal 3,5% al 2,4%.
«E pensare che tra le tante accuse che ci hanno affibbiato – ha spiegato Claudio Giorno, del presidio No Tav Europa – c’è anche quella che il movimento era sovvenzionato dalla lobby del trasporto su gomma… Non siamo sovversivi, facciamo disobbedienza civile e se ci fosse un parlamento vigile, che controlla davvero cosa avviene nel Paese, sull’opera dell’alta velocità si sarebbe già fatta una commissione d’inchiesta».
Dunque la realtà descritta dal fronte del Sì è ben lontana da quanto accade veramente. Chi vive in quella terra, come denunciano ormai da anni, vive la militarizzazione quotidiana e la violenza di sentirsi derubati della propria valle: «La situazione nella valle -ha riferito Guido Fissore, consigliere comunale di Villar Focchiardo – è molto difficile. Si vive e ci si muove in un clima pesante. Abbiamo più militari nella valle di quelli dislocati a Herat e gli abitanti sono sottoposti a continui controlli. Se non nevica, basta essersi dimenticati in macchina le catene, per rischiare di prendersi una denuncia per trasporto di materiale pericoloso».
«Oggi più che mai – ha concluso il senatore cinquestelle Marco Scibona- è importante partecipare alla manifestazione, per far vedere che il movimento di opposizione all’opera è più vivo che mai e più forte la protesta alla luce di quello che è accaduto ieri: con il voto della Camera l’iter dell’accordo ha fatto solo metà strada ma al vertice italo-fracese, previsto per i prossimi giorni, verrà presentato dal governo italiano come se il testo avesse ottenuto il via libera di entrambi i rami del Parlamento».

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano