8.5 C
Torino
sabato, 25 Maggio 2024

Sventò rapina in farmacia, una targa per il carabiniere rimasto ferito

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

“Ho capito in quel momento delle ferite che ho riportato e ho avuto paura di non vedere i miei familiari”. Maurizio Sabattino, il 53enne brigadiere dei carabinieri, che il 29 novembre rimase ferito gravemente nel tentativo di sventare una rapina in una farmacia di corso Vercelli ha ricordato così quegli attimi durante la cerimonia di consegna di una targa che le farmacie comunali di Torino gli hanno voluto dedicare per “l’eroico gesto” come ha evidenziato il vicepresidente dell’associazione Luciano Platter presidente emerito di Ferderfarma. La cerimonia si è svolta nella sede dell’associazione in corso Peschiera alla presenza del comandante regionale Aldo Iacobelli, comandante provinciale Claudio Lunardo, Michela Coppo presidente della Farmacie comunali, la presidente del consiglio comunale di Torino Maria Grazia Grippo, Mario Giaccone, farmacista e consigliere regionale e l’ad di farmacie comunali Davide Cocirio. “Un gesto quello di Sabbatino che ha colpito tutti noi – ha spiegato Platter – Tra farmacisti e l’Arma dei Carabinieri ci è sempre stata una collaborazione”. “Al brigadiere va la nostra profonda gratitudine”, ha sottolineato Michela Coppo. “Ho fatto solo quello per cui mi sono arruolato: difendere i cittadini. il mio intervento è stato solo mantenere fede al giuramento che ho fatto”, sottolineato Sabbatino che venne accoltellato quattro volte da uno dei due rapinatori, un minorenne. “Io non mi sento di perdonarlo anche perché non mi compete al momento. Io ho fatto solo quello che dovevo fare – ha aggiunto – loro in quel momento hanno commesso un reato e stavano dall’altra parte della barricata. Spero che il mio intervento è comunque servito per due ragazzi che possono rimettersi in carreggiata”. “Il brigadiere è un esempio di buona cittadinanza, è per questo che insieme al sindaco abbiamo deciso di conferire a Sabbatino la civica benemerenza” ha annunciato Maria Grazia Grippo. “Sabbatino è un professionista maturo e strutturato
che da 35 anni è nell’arma. 35 anni vissuti nella consapevolezza della scelta fatta da giovane, del giuramento che ha fatto per la tutela di valori, beni e interessi collettivi. Sabbatino è un eroe moderno, interpreta al meglio il ruolo del carabinieri”, conclude il generale Iacobelli.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano