10.8 C
Torino
martedì, 28 Maggio 2024

Suicidio corso Sebastopoli, la crisi non c’entra

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Dietro al suicidio dell’uomo di 43 anni che si è lanciato dal decimo piano di un palazzo di corso Sebastopoli 247, non ci sarebbe la disperazione figlia della cassa integrazione.
Alla base dell’estremo gesto del padre di due figli ci sarebbero invece problemi di salute, secondo quanto riferito da un’amica di famiglia, che lo avrebbero portato a soffrire di una forte depressione. In un primo momento però, si era pensato che ci si trovasse di fronte all’ennesima vittima della crisi, al punto che anche il sindaco di Torino Piero Fassino e il candidato alle Regionali di centrosinistra Sergio Chiamparino avevano espresso in un comunicato parole di cordoglio nei confronti dell’uomo. Come detto invece, le ragioni sembrano essere legate ad una brutta malattia che aveva debilitato fisicamente l’uomo fino a spingerlo al suicidio.
Vanno comunque avanti le indagini dei carabinieri per maggiori chiarimenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano