16.8 C
Torino
mercoledì, 22 Maggio 2024

Strage di Caselle, il silenzio di Dorotea

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Per il momento non parla Dorotea De Pippo, l’ex colf della famiglia Allione, massacrata in una villetta di Caselle Torinese dal suo convivente Guido Palmieri. Da quando è in stato di fermo ha solo negato di c’entrare qualcosa con l’omicidio di Claudio Allione, della moglie Maria Angela Grego e dell’anziana Emilia Campo Dall’Orto, madre di lei. Ma a incastrare Dorotea De Pippo non sono solo le parole di Palmieri, che se fin dall’inizio si è addossato tutte le colpe, ora sostiene che c’entra anche la sua compagna.
Infatti a carico alla De Pippo, oltre alle telefonate rimaste registrate sul telefonino, partite al cellulare dell’ex convivente la notte della strage, ci sarebbe quel traffico da tre bancomat scomparsi dalla villetta di via Ferrari 13 e utilizzati dopo la tragedia. Resta fredda Dorotea, forte, e non sembra cedere, nonostante gli inquirenti insistano nel fatto che i due si siano lasciati per finta e che lei sia la vera mente della strage. Intanto Caselle s’interroga per il nuovo colpo di scena, anche se la convinzione è che veramente si sia ad un passo della verità.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano