11.5 C
Torino
mercoledì, 21 Ottobre 2020

Storia della balestra, com’è fatta e tecniche di utilizzo

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

E’ nel periodo medievale che si ritrovano le origini e le prime tracce in Europa della balestra come arma da caccia e battaglia. La sua diffusione è avvenuta principalmente nei contesti di Germania, Svizzera e Italia. Offriva il grande vantaggio di poter attaccare senza avvicinarsi in maniera eccessiva alle zone di rischio, sia durante le battute di caccia che nelle fasi più aspre delle battaglie, colpendo i bersagli da distanze importanti. Lo svantaggio? Senza dubbio era rappresentato dalla lentezza, legata a doppio filo alla fase – molto meccanica – del caricamento delle frecce o dardi, e dalla grande destrezza richiesta per maneggiarla in modo efficace. La balestra è un’invenzione che è successiva all’arco, dal quale differisce per alcuni aspetti essenziali. Il principio di base è lo stesso, la corda però non viene mantenuta in tensione dal balestriere: è la parte rigida dello strumento a fungere da supporto in questo senso. Inoltre, c’è da dire che da un punto di vista pratico l’arco richiede molta più abilità mentre l’utilizzo della balestra è maggiormente intuitivo. Nel corso delle epoche c’è stata una continua evoluzione della balestra, che era già conosciuta anche in Cina intorno al V secolo a.C.: oggi ne esistono diverse tipologie, suddivise nelle principali macroaree delle balestre per il tiro sportivo, balestre compound e da caccia. 

Occorrono forza e grande concentrazione per maneggiarla

La balestra viene brandita con entrambe le mani e per far questo occorrono sia forza che grande concentrazione per una precisione elevata. I bersagli da colpire possono essere posti anche a distanze molto importanti, inoltre sarà utile sottolineare – sia che siate collezionisti, appassionati di caccia o tiratori sportivi – che l’operazione più complicata è senza dubbio quella del caricamento della balestra. La si deve puntare verso il basso e incoccare la freccia nella corsia apposita. Si dovrà a questo punto mettere la corda in tensione, per poi sollevare la balestra fino a portarla all’altezza della spalla: non rimane a questo punto che inquadrare il bersaglio. La corda potrà essere rilasciata agendo sull’apposito meccanismo, detto ‘noce’, che assicura la corretta trattenuta. Una volta scoccata la freccia sarà necessario riportare il meccanismo nella posizione iniziale, in modo da poter accogliere nuovamente la corda e prepararsi al lancio successivo. La corda delle balestre moderne, di solito impiegate per il tiro sportivo, è composta da filati con un’altissima rigidità. 

- Advertisement -

Innovazione, precisione e materiali all’avanguardia

Originariamente quest’arma era costituita da un arco in legno o corno, mentre – grazie alla continua evoluzione che l’ha riguardata – al giorno d’oggi si impiegano altri materiali quali fibra di carbonio e alluminio, i quali sono in grado di assicurare un maggior equilibrio complessivo. Sono presenti due flettenti in fibra, dotati di capacità elastiche davvero superiori. Per quanto riguarda infine i sistemi attraverso i quali prendere correttamente la mira, in generi si tratta di ‘cannocchiale’ e tacche di mira. Il primo sistema assicura di effettuare dei tiri con una maggiore precisione, specie in caso di luminosità ridotta, mentre invece il secondo consente di incrementare il livello di maneggevolezza.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Palestre e sport dilettantistico contro nuove chiusure: “Categoria soffre crisi invisibile”

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha dato una settimana di tempo alle palestre per “mettersi in regola”, pena la chiusura del...

Covid, stop a movida a Torino dalle 21

Sarà firmata domani dopo un’incontro con le associazioni di categoria l’ordinanza del Comune che ferma la livida nei luoghi di maggior frequentazione....

Didattica a distanza e centri commerciali chiusi nei weekend: Cirio firma nuova ordinanza

Conferma le indiscrezioni della vigilia Alberto Cirio con la nuova ordinanza firmata per evitare il diffondersi del Covid.  Didattica...

Covid in Piemonte sei decessi, oltre mille i contagi da ieri

I casi di persone finora risultate positive al Covid-19 in Piemonte sono 46.319 (+ 1396 rispetto a ieri), di cui 786 (56%) sono asintomatici. 

Covid torna la didattica a distanza. Grimaldi: “La sanità piemontese non ha retto l’urto”

“Più trasporti? Più vigilanza attiva? Tamponi più rapidi? Macché. L'unica soluzione della Giunta per ridurre i contagi è tornare alla didattica a...