26.9 C
Torino
venerdì, 18 Giugno 2021

Sganga: “La decisione di Appendino esempio di coerenza. Ora lavoriamo per il 2021”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Coerenza è la parola con cui la capogruppo Valentina Sganga definisce la scelta di Chiara Appendino di non candidarsi per un secondo mandato nel 2021. “Quando qualche giorno fa Chiara Appendino mi ha anticipato la decisione di non ricandidarsi come sindaca di Torino nel 2021 ho pensato che nella sua scelta e nelle sue parole c’era la stessa coerenza del nostro primo incontro, nel 2012”

“La sindaca è diventata la sindaca non solo perché i torinesi l’hanno votata, ma perché fin dal giorno successivo all’elezione ha messo la stessa passione e coerenza degli anni da consigliera d’opposizione nell’azione amministrativa, dedicandosi notte e giorno a Torino. Per questo dobbiamo ringraziarla tutti e io personalmente la voglio ringraziare anche per la coerenza che ha dimostrato oggi e che mi ha trasmesso in questi anni” prosegue Sganga. 

La capogruppo M5s, che alcuni vorrebbero tra i papabili candidati M5s, guarda al futuro: “Dobbiamo da subito tornare a lavorare insieme: sia per completare le tante cose che restano da finire in questo mandato, sia per progettare il futuro di Torino. Un futuro che non passa dalla guerra di nomi e posizioni politiciste cui assistiamo in questi giorni nel campo del centrosinistra, né dall’attendismo interessato delle destre. Il futuro per far continuare a correre Torino, come e più di quanto siamo riusciti a fare in questi anni, passa tutto dalle risposte ai problemi e alle sfide che abbiamo intercettato nel 2016”. 

E Sganga sembra avere le idee chiare su che direzione prendere: “Lo scollamento tra i diversi pezzi della città è sempre più marcato, così la mancanza di prospettive lavorative per intere generazioni. Ed lì che dobbiamo continuare a lavorare, e a loro che dobbiamo parlare, cercando soluzioni innovative che sappiano superare gli schemi usati dall’inizio del Duemila, inseguendo solo il turismo e scordandosi della manifattura e della ricerca, unica vera arma per competere. Mi piacerebbe partire da qui, così come dal modello di città più verde e accessibile cui stiamo lavorando, quando nelle prossime settimane ci troveremo con tutti gli attivisti per ragionare del 2021”. 

Anche l’ex presidente del Consiglio comunale Fabio Versaci ha commentato la decisione di Appendino: “Le scelte personali non si discutono si accettano. La questione morale ormai è cosa rara in questa politica farlocca. Chiara è stata e sarà ancora nei prossimi mesi un’ottima Sindaca”. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano