9.7 C
Torino
sabato, 18 Maggio 2024

Stop ai mercatini alimentari di piazza Carignano

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Basta con la vendita di salami e caciocavallo nelle piazze auliche di Torino. La polemica è stata sollevata più volte, l’ultima qualche settimana fa con l’arrivo del vagone di Primo Levi in piazza Castello che secondo il soprintendente ai Beni culturali, Luca Rinaldi, era “di troppo”. Se il vagone, testimonianza storica delle deportazioni neonaziste nei campi di concentramento in Europa non andava bene, nulla da dire per i banchetti di prodotti tipici che con regolare cadenza appaiono magicamente il fine settimana nelle piazza più belle della Città.
Furiosi commercianti e residenti che di vedere quegli stand non ne possono più. Oggi però arriva il segno che forse qualcosa sta cambiando.
Una nota del Comune infatti, fa sapere di aver portato avanti dei controlli intensi nelle zone interessate dalla manifestazione “Le vie del ghiaccio” in via Cesare Battisti, piazza Carignano e piazza Carlo Alberto, dove di i vigili urbani hanno riscontrato diverse irregolarità.
Alla manifestazione di carattere commerciale davanti alla Biblioteca nazionale, si affianca l’iniziativa “Una Pista per Tutti” che prevede l’installazione di una pista per il pattinaggio su ghiaccio in Piazza Carlo Alberto, ma che non prevede «la vendita di generi alimentari in Piazza Carlo Alberto nonché, in ogni altro luogo, di prodotti non confezionati (quali latte e derivati, salumi)».
Insomma, il regolamento c’è, ed è anche abbastanza chiaro. Bisogna solo attendere la prossima iniziativa del Comune per vedere se e in quanti riusciranno a rispettarlo.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano