10.4 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

Stamina, chiesto il dissequestro delle cellule di Sofia De Barros

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

La famiglia di Sofia De Barros, la bambina simbolo di chi credeva nella cura Stamina ha chiesto alla Procura di Torino il dissequestro delle provette delle cellule staminali. L’istanza è stata presentata al Tribunale del Riesame del capoluogo piemontese. Oltre ai familiari della piccola De Barros anche altre famiglie di bambini affetti da malattie rare hanno fatto la stessa richiesta. Inoltre sono stati presentati due querele alla Procura di Brescia contro gli Spedali Civili di Brescia per il «mancato rispetto dell’ordinanza del tribunale di Livorno, che impone la continuazione della terapia».
L’azione degli avvocati della famiglia De Barros non è, come hanno specificato una difesa al metodo Stamina di Davide Vannoni, ma un’iniziativa per censurare il sequestro preventivo, voluto dal pubblico ministero Raffaele Guariniello.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano