10.8 C
Torino
martedì, 28 Maggio 2024

Si sgonfia il caso Lonely Planet: le mail provenivano da un’agenzia di comunicazione che ha già un appuntamento con Sacco

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

di A. D. 

Si arricchisce di un nuovo capitolo, che ridimensionerebbe il tutto, il caso Lonely Planet dopo la decisione della famosa guida turistica di andare a Bergamo a festeggiare i suoi 25 anni. Una fuga che secondo Angelo Pitto, direttore commerciale di Edt, la casa editrice piemontese che pubblica le Lonely Planet, sarebbe dovuta al fatto che nonostante avessero chiesto alla sindaca un incontro a proposito, dall’ufficio di Chiara Appendino non è mai giunta una risposta.
Ben diversa la versione che arriva da Palazzo di Città. Le mail di cui si parla, inviate a novembre, non sarebbero partite a firma della Lonely Planet, ma di Federica Mariani, di Idee al Lavoro Srl. Oggetto della missiva elettronica quello di presentare un nuovo evento da realizzare a Torino. La Mariani chiedendo l’incontro avrebbe annunciato che nel caso avrebbe partecipato anche Angelo Pitto, direttore commerciale della casa editrice. Il 15 febbraio, sempre Idee al Lavoro Srl, non contatta più la sindaca, ma l’assessore Alberto Sacco, chiedendo un appuntamento per di parlare di un altro evento, senza che si facesse cenno alla precedenti mail inviate all’ufficio della sindaca.
Sacco risponde immediatamente e fissa un incontro con la Mariani per il 22 marzo alle ore 9. tutto è confermato dall’ufficio dell’assessore che però preferisce smorzare i toni della vicenda, evitando di polemizzare ulteriormente.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano