28.7 C
Torino
venerdì, 14 Agosto 2020

”Shamal soffia su Torino”. Al Polo del 900 una mostra per aiutare i bimbi siriani

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Moreno D'Angelo
Moreno D'Angelo
Laurea in Economia Internazionale e lunga esperienza avviata nel giornalismo economico. Giornalista dal 1991. Ha collaborato con L’Unità, Mondo Economico, Il Biellese, La Nuova Metropoli, La Nuova di Settimo e diversi periodici. Nel 2014 ha diretto La Nuova Notizia di Chivasso. Dal 2007 nella redazione di Nuova Società e dal 2017 collaboratore del mensile Start Hub Torino.

«Bighellonavo su Facebook quando ho visto la foto di un bimbo di Aleppo scattata dalla fotografa Andreja Restek. Poi ho avuto un’idea. Ho preso il telefono e ho chiamato Andreja: che ne dici di fare una mostra sui temi della guerra, per sensibilizzare e aiutare concretamente i bimbi dei campi profughi siriani? “Dai contattiamo altri artisti” Andreja accettò con un entusiasmo che mi ha contagiato». A raccontarsi è la giornalista Stefania Aoi. E questo è l’incipit del grande evento artistico che si svilupperà dal 3 ottobre presso il Polo del 900 dal titolo: “Shamal Soffia su Torino” con interventi delle autorità e un originale concerto “siriano-veneziano”.
Obiettivo dell’iniziativa è aiutare questi bambini. «Lo so è una goccia nel mare – ammette Aoi – ma ha il potere di trasmettere come sia possibile per tutti fare qualcosa di concreto in questi deliri di disperazione e sofferenza senza fine dove i bimbi che sanno sorridere e giocare tra le macerie rappresentano sempre la grande speranza di rinascita. Bimbi che non hanno nemici e che restano mutilati da bombe figlie della stupidità umana parchè ogni bomba è una sconfitta del dialogo e della civiltà». 
«Condividere le esperienze con le persone vicine e lontane porta ad un arricchimento reciproco. È questo il pensiero che mi spinge a condividere il mio lavoro con il pubblico. Questa mostra potrà contribuire alla sensibilizzazione sul dramma di ciò che succede nel mondo. Attraverso la fotografia, la pittura e la scultura abbiamo raccontato i momenti drammatici e le realtà delle persone costrette a lasciare le proprie case a causa della guerra. In modi diversi abbiamo cercato di portare lo spettatore nel loro mondo, nel mondo dove contemporaneamente lo spettatore si trasformerà in testimone dei fatti che diventeranno storia», afferma la fotoreporter Andreja Restek.
Il ricavato delle vendite delle opere sarà destinato in parte all’associazione “Ambulanza dal cuore forte” diretta dalla fotografa Andreja e un’altra parte andrà per alcune famiglie in difficoltà che vivono con i loro bimbi nel campo profughi 022. Fondi che serviranno per il cibo o per portare i bambini a scuola e per i trasporti a loro necessari.
L’inaugurazione del 3 ottobre, alle 17.30 ha in programma gli interventi di Nino Boeti, presidente Consiglio Regionale, Sergio Soave, presidente Fondazione Polo del ‘900, Marcella Filippa, direttrice Fondazione Vera Nocentini, Stefano Tallia, segretario Associazione Stampa Subalpina. Si terrà poi un concerto del violinista siriano Alaa Arsheed e di Isaac de Martin, chitarrista veneziano conosciuto in Italia e con cui ha avviato una consolidata collaborazione artistica.
Alaa Arsheed 32 anni, è arrivato in Libano dalla Siria nel 2015 con in mano solo il suo violino «e il passaporto di un paese che non c’è più e ora suoniamo invece di parlare della Siria, è meno doloroso» come da lui ricordato.
Gli artisti (fotografi e pittori) che partecipano all’iniziativa sono Andreja Restek, Matthias Brandes, Alessandra Carloni, Roberta Coni, Jacopo Mandich, Ciro Palumbo, Davide Puma, Akira Zakamoto.
«Il lavoro che abbiamo fatto è guardare le foto di Andreja e provare a raccontare, ognuno attraverso il proprio linguaggio, quello della pittura e della scultura, il dramma di chi è costretto a spostare la propria esistenza altrove. L’arte ha il potere di arrivare dritta al cuore, di farsi sentire anche da chi a volte è distratto o preferisce non ascoltare», racconta il pittore torinese Ciro Palumbo.
«La nostra fondazione ha accettato volentieri di supportare questa mostra perché è urgente tenere viva l’attenzione sulla guerra in Siria. Le ultime vicende drammatiche, l’indifferenza delle istituzioni, in primis l’Onu, ci chiedono di reagire. Questo è il nostro modo. E proprio in coincidenza con il centenario di conclusione della prima guerra mondiale ospiteremo al Polo del ‘900 questo evento e una serie di altri reportage che dimostrano come, dopo un secolo esatto, l’orrore continui», afferma Tomaso Panero della Fondazione Vera Nocentini.
Da sottolineare l’alto livello qualitativo dei contributi e l’originale abbinamento di immagini di reportage di guerra, cariche di pathos pronte a cogliere delicate essenze di umanità nel dramma, con opera pittoriche di alta suggestione.
 
Catalogo mostra
 
foto di Andreja Restek

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Concorso per dirigenti Comune di Torino, terza puntata: la riammissione

“Più che un concorso sembra una giallo a puntate”, così alcuni concorrenti hanno commentato le novità pubblicate ieri dalla commissione dell’ormai famoso...

Via Germagnano; ‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’: “Nessun blitz ferragostano, il Comune si assuma la responsabilità”

“‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’ esprimono forte preoccupazione riguardo all’iniziativa di sgombero del campo di via Germagnano che coinvolge circa 100...

Il pasticcio dei Voucher scuola della Regione Piemonte

Avevano appena ricevuto la mail che confermava l'assegnazione dei voucher scuola per l'anno 2020/21 ma 45 famiglie piemontesi hanno potuto gioire ben...

Torino città Covidless

La città di Torino ha ricevuto oggi l'attestazione Covidless Approach&Trust. Un riconoscimento frutto del progetto di ricerca che ha analizzato le risposte...

Caso Embraco, Cirio: “Da parti in causa serve risposta chiara”

"Seguo la vicenda Embraco ormai da due anni ed è inammissibile che solo oggi, per la prima volta, si siano trovati seduti...