19.7 C
Torino
sabato, 19 Settembre 2020

Sganga (M5s): “Sul Tav abbiamo perso, ma non possiamo tradire”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Pubblichiamo integralmente l’intervento della capogruppo del Movimento Cinque Stelle in consiglio comunale a Torino Valentina Sganga sulla vicenda Tav.

 

- Advertisement -

Ho aspettato a scrivere di TAV.  Ho aspettato perché mi turba, e dovremmo essere in molti a provare ciò, la parola “tradimento”: che molto viene pronunciata in queste ore, che leggo ovunque, che imperversa su di noi come una tempesta. È uno stigma da cui non ci si riprende, che rimane addosso, per sempre.

- Advertisement -

I numeri da capogiro che ci hanno premiato velocemente si dilapidano, per molte ragioni.
I movimenti che prendono le redini dello Stato, da sempre, “subiscono” dei processi di normalizzazione, che corrispondono a vistose perdite di consenso. Lo è sempre stato e noi sapevamo che così sarebbe stato in virtù della nostra esperienza di governo torinese. Esperienza che tenta di coniugare la forza innovatrice del M5S con lo scontro con un sistema radicato e forte.

Ma quanto sta avvenendo a livello nazionale ha dimensioni e valori tali da rendere le nostre difficoltà marginali.

Dato per scontato il dolore per la vicenda Tav rimane un dubbio su tutti: cosa stiamo diventando? Chi siamo? Che trasformazioni possiamo, e vogliamo, permetterci?

I passaggi valoriali che ci caratterizzano sono stati troppo violenti e rischiano di distruggere un percorso di rinnovamento a cui milioni di italiani hanno creduto.

Questo dato è incontrovertibile, perché è evidente che il nostro “pragmatismo” è percepito come distruttivo, furbesco, interessato.

Non è così ma credo che per liberaci da questo peso sia necessario un passo, un passo che viene prima di tutto: la verità.

Abbiamo perso, per molte ragioni, sul Tav.
Non possiamo nasconderci dietro voti parlamentari, non può bastare un’azione dimostrativa, utile a sancire veppiù lo scontato asse di tutti i partiti sì Tav. I nostri elettori ci chiedevano e ci chiedono di fermare la Torino-Lione e noi non lo abbiamo fatto.

Dovremmo dire chiaramente perché è accaduto questo.
Quali passaggi sono stati seguiti. Quali difficoltà si sono incontrate.
Cos’è mancato e, soprattutto, cosa si è sbagliato.
E la verità parte dal fatto che la maggiorazione dei finanziamenti europei al momento non esiste e che le penali sono un falso storico a cui non possiamo pensare di aggrapparci, non noi.

E forse tutto questo potremmo perfino tentare di spiegarlo alla Val Susa, quella che oggi ci definisce “traditori”.

Perché possiamo perdere, ma non possiamo tradire.
Questa battaglia meritava vicinanza al territorio, presenza e ascolto. Tutto ciò è, in buona parte, mancato. Forse perché le priorità del governare erano tante e grandi, e noi ancora troppo piccoli.

Una cosa però mi conforta: queste riflessioni e questa disponibilità all’autocritica hanno ancora agibilità nel M5S.
Riconoscere gli errori è la più grande prova di maturità che possiamo offrire a chi ha sempre creduto in noi.

Concludo sottolineando che la risposta a tutto ciò non può essere in alcun caso una scissione. Passo che da sempre sancisce la scomparsa politica di chi lo compie, di chi pensa di difendere così valori che vuole difendere. È così da sempre.
Pensiamoci.

Scritto da Valentina Sganga, capogruppo in consiglio comunale a Torino del Movimento Cinque Stelle

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Febbre a scuola, il Tar respinge il ricorso del Ministero contro l’ordinanza di Cirio

Il Tar del Piemonte non ha accolto la richiesta del Governo di una sospensiva d’urgenza in via monocratica per l’ordinanza della Regione...

No Tav, Dana Lauriola è stata arrestata. Tensione tra attivisti e polizia a Bussoleno

E' avvenuto questa mattina all'alba l'arresto di Dana Lauriola, storica attivista No Tav e militante del centro sociale Askatasuna, condannata a due...

RU 486, Appendino contro la Regione: “Becera propaganda sul corpo delle donne”

La sindaca di Torino Chiara Appendino interviene in merito alla proposta della giunta regionale del Piemonte di abolire la somministrazione della pillola...

Febbre a scuola, Cirio non cambia idea: “Ordinanza fatta con buon senso”

Non cambia idea Alberto Cirio sull'ordinanza che impone la misurazione della febbre a scuola e che il ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina ha...

Gtt, ecco come chiedere il rimborso per gli abbonamenti non usati durante il Covid

Gtt rimborserà gli abbonamenti non utilizzati duranti il lockdown attraverso l’emissione di un voucher che permetterà l’acquisto di nuovi titoli di viaggio....