10.1 C
Torino
martedì, 21 Maggio 2024

Sganga (M5s): “Salvini a Chiomonte è una provocazione che mette a rischio il governo”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

I consiglieri comunali di Torino del Movimento Cinque Stelle non hanno preso benissimo la visita del ministro dell’Interno Matteo Salvini al cantiere di Chiomonte della Torino-Lione. Se il leader della Lega è alleato dei pentastellati a Roma, qui in Piemonte, per colpa della vicenda Tav, il suo nome è nella black list dei grillini nostrani.

Valentina Sganga, capogruppo M5s in Sala Rossa non risparmia le critiche a Salvini, che in Val di Susa ha parlato di utilità dell’opera e che basterebbe rivederla per risparmiare, senza fermare il progetto. Apriti cielo: per Sganga la visita del vicepremier è una provocazione vera e propria che mette addirittura a rischio la tenuta di governo.

«Sul Tav Torino-Lione purtroppo abbiamo assistito all’ennesima passerella del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, che usa il suo ruolo e le divise delle forze dell’ordine per delle inutili provocazioni. L’unica cosa positiva della visita di Salvini a Chiomonte è il riconoscimento della necessità di ridurre l’inquinamento nel nostro Paese», spiega Sganga.

«Come Movimento Cinque Stelle di Torino sappiamo come farlo ed è dirottando i fondi che si sprecherebbero con il Tav su altre infrastrutture fondamentali, la linea 2 della metropolitana a Torino, ma anche il potenziamento del trasporto pubblico e dei servizi ferroviari regionali per i pendolari. Il governo deve rompere gli induci e rendere pubblica l’analisi costi-benefici così da mettere a tacere una volta per tutta gli ultrà Sì Tav che speculano e fanno campagna elettorale su un progetto mai nato».

«Ha ragione il vicepremier Luigi Di Maio quando dice che quel cantiere non esiste perché la realizzazione dell’opera non è mai partita. Al di là dei sogni e della propaganda di chi non fa altro che ricopiare i documenti di Telt spacciandoli per fact checking – aggiunge – il Movimento No Tav ha dimostrato e documentato più volte come quello di Chiomonte sia un cantiere e un tunnel realizzato per conoscere la struttura della montagna, i lavori per il vero traforo non sono mai partiti, fermarlo quindi e possibile e dev’essere ciò che farà il governo».

Continua Sganga: «Salvini dice che tornare indietro costa come andare avanti, ma sbaglia. Ha cifre falsate che sono diffuse solo per creare confusione e la cassa di risonanza che il ministro offre a questi propalatori di fake news mette a rischio la tenuta di un governo che su altri temi sta facendo bene».

«Spiace che un esponente del governo del cambiamento si presti a queste provocazioni che hanno costretto le forze dell’ordine a dover sostenere turni extra e che fanno sprecare soldi allo Stato per un dispiegamento di polizia inutile».

«La strada è stata tracciata. Ora bisogna pubblicare l’analisi e poi passare all’abrogazione delle leggi e dei trattati internazionali, ma nel frattempo i cantieri vanno fermati e va comunicato con chiarezza alla Francia che la Torino-Lione non si farà», conclude il capogruppo dei pentastellati.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano