9.3 C
Torino
domenica, 26 Maggio 2024

Sganga (M5S), “Bene strada pubblica per metro 2”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Così la capogruppo M5S in Consiglio comunale a Torino, Valentina Sganga, e il presidente della Commissione, Roberto Malanca commentano quanto emerso in commissione Trasporti: “Gli scenari illustrati nel corso della commissione trasporti di oggi chiariscono definitivamente come per la linea 2 della metropolitana la strada più vantaggiosa sia quella di una realizzazione con risorse pubbliche e con una gestione del progetto definitivo da società comunali”.

Aggiungono Sganga e Malanca: “Noi lo avevamo detto fin dall’inzio che questa era la strada più sostenibile. A differenza dei desideri dei nostalgici del privato ovunque, anche nei servizi fondamentali, che nonostante il fallimento e la crisi generata dall’emergenza coronavirus continuano a tessere le lodi di strumenti finanziari che arricchiscono pochi e creano debiti sulle spalle di tutti, come abbiamo sentito oggi in commissione. Ora anche i numeri certificano quanto sostenevamo”.

“Siamo convinti che i lavori per la metro 2 debbano partire il prima possibile e da Torino nord. Siamo convinti che si debba cercare di arrivare al Politecnico per ragioni di sostenibilità dell’opera e per offrire ai cittadini fin da subito un tratto importante e maggiormente utile per la città”, dicono i pentastellati.

“La proposta elaborata dalla sindaca Appendino insieme all’assessora Lapietra, al Mit e a Cassa depositi e prestiti è un buon inizio viste le condizioni attuali e li ringraziamo. Siamo fermamente convinti che da qui al completamento dell’opera lo Stato trovi le risorse per coprire del tutto i costi dell’opera, e nel frattempo un mutuo a condizioni come quelle proposte da Cdp per le opere strategiche è un ottimo strumento per garantire il valore e il controllo pubblico di un’ infrastruttura indispensabile alla ripartenza della città e consentirne la partenza in tempi rapidi. Il tutto nel modo più sostenibile possibile, viste le possibilità della nazione in questa situazione”, concludono Sganga e Malanca

Ma sull’ipotesi mutuo i consiglieri 5 Stelle Viviana Ferrero, Daniela Albano e Damiano Carretto restano ancora dubbiosi, anche se non si può, questa volta, parlare di vera e propria spaccatura.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano