10.4 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

Scuola Holden, Cassiani: “Struttura d’eccellenza unica in Italia”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

«La scuola Holden: una struttura d’eccellenza, che può dare molto a Torino». Sono queste le parole di Luca Cassiani, consigliere del Pd e presidente della Commissione Cultura, dopo il sopralluogo di stamattina nella nuova sede di piazza Borgo Dora 49. Un tour, quello di Cassiani, del vicepresidente Giovanni Ventura e degli altri, che comprende tutte le strutture culturali private della città, tra cui anche lo Ied, l’Accademia delle Belle Arti e il Circolo dei Lettori.
La scuola Holden, fondata dal celebre romanziere torinese Alessandro Baricco (ultimamente balzato agli onori della cronaca per aver appoggiato pubblicamente la candidatura di Matteo Renzi a segretario del Pd), si trova nell’occhio del ciclone dopo il trasferimento dalla vecchia sede di corso Dante. L’edificio dove è situata ora è stato completamente ristrutturato a spese di privati, tra cui lo stesso Baricco e il fondatore di Eataly Oscar Farinetti.
Un lavoro fatto bene, secondo Cassiani. «Non sono gli edifici sono molto più spaziosi, con un ampio cortile davanti e uno dietro, anche le iniziative in programma sembrano essere lodevoli. Nel teatro appena ricostruito, infatti, verranno svolte iniziative culturali aperte a tutti, completamente gratis. Baricco oggi era assente, sostituito da insegnanti e tutor, ma tra circa un mese lo incontreremo e avremo ulteriori chiarimenti sull’andamento della scuola, che ogni anno prepara 150 persone nei corsi full time di scrittura e innumerevoli altre in quelli serali: qualcosa di unico in Italia». Non solo: la scuola, nell’ultimo periodo, con il progetto “Preparazione Fisica Education” ha inserito lo sport nel programma, con la convinzione che questa attività sia complementare alla creatività.
Rimane il dubbio, condivisibile o meno, su come questa possa essere addestrata. Si possono davvero creare a tavolino sceneggiatori, drammaturghi e romanzieri?

©RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano