7.6 C
Torino
venerdì, 24 Maggio 2024

Scontro Enpa-Assessora Giannuzzi sui tagli al Canile municipale: “Meno servizi essenziali” “Mettetevi in gioco”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Bernardo Basilici Menini

Il taglio di 250mila euro al canile di via San Germagnano contenuto nel bilancio della giunta Appendino non ha lasciato indifferente l’Ente nazionale protezione animali, che ha puntato il dito contro l’amministrazione pentestellata. Con la sforbiciata, dice l’Enpa, piove su una situazione già particolarmente complicata: «Provate a immaginare che dopo aver fatto mille calcoli e aver partecipato ad un appalto con pochi euro di margine solo per garantire agli animali continuità di trattamento, dopo pochi giorni dalla sottoscrizione vi dicano che il 20% dello stesso è un mattone. A Roma si chiamerebbe “sola”, a Napoli “pacco”, a Torino si chiama Movimento 5 stelle».

Con il bilancio ancora tagliato, insomma, si dovrà rinunciare a qualcosa di grosso: «Dal canto nostro non vediamo che la possibilità di soppressione di una decina di posti di lavoro e di molti servizi essenziali, nonché di elementi di contorno comunali che diverranno superflui. A meno che questa giunta la soppressione la voglia dei cani … e in quel caso saremo un osso duro». Insomma, un bello schiaffo, dice l’Enpa, a tutti quelli che avevano sperato nella Torino animalista targata M5S.

A stretto giro arriva la risposta, altrettanto dura, dell’assessora con delega alla Tutela degli Animali Stefania Giannuzzi, che accusa l’Ente di protezione animali di fare una polemica dai toni inaccettabili e la invita a «uscire dal canile».

«Il tono sollevato dall’Enpa nei confronti dell’Amministrazione comunale per gli annunciati tagli ai contributi per la gestione del canile sanitario ha raggiunto livelli inaccettabili, con insulti gratuiti rivolti alla Giunta e insinuazioni pesanti sulla presunta volontà di infierire sugli animali ospiti della struttura», dichiara Giannuzzi.

L’operato del Canile municipale, inoltre, non sarebbe sufficiente: «un canile pubblico deve porsi l’obiettivo della salute dei piccoli ospiti e il loro pronto inserimento in un contesto accogliente, ma soprattutto saper uscire dalle sue gabbie per cogliere i problemi nel territorio, là dove essi si manifestano, e trovare pronte soluzioni: un’azione preventiva in cui il canile è solo l’ultima possibilità da considerare».

Un canile, propone la Giannuzzi, con una vocazione diversa: «Vogliamo costruire e diffondere una nuova visione per favorire una convivenza positiva tra persone e animali sul territorio e superare una vecchia concezione del canile come luogo di ricovero e cura, per essere invece luogo aperto alla cittadinanza, dove sviluppare cultura, buone pratiche e innovazione a vantaggio, ovviamente, dei nostri amici a quattro zampe».

«Invitiamo dunque l’Enpa a costruire con noi questo percorso e a uscire dal canile, superando la polemica e mettendosi in gioco nel comune interesse della costruzione di una città a misura di cani, gatti e altri animali, cittadini anch’essi con propri diritti», conclude l’Assessora, con una risposta che difficilmente rassicurerà l’Ente che, con i tagli, prospetta pesanti riduzioni del servizio.

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano