9.2 C
Torino
martedì, 28 Maggio 2024

Scontri al Critical Mass, Versaci (M5s): “La polizia ha sbagliato. Anche i No Ztl hanno bloccato il traffico”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Fabio Versaci, consigliere comunale di Torino del Movimento Cinque Stelle e già presidente del consiglio in Sala Rossa, interviene su quanto accaduto ieri sera, quando sono scoppiati dei tafferugli tra le forze dell’ordine e i manifestanti del “Critical Mass”.

I fatti: durante la pedalata serale i ciclisti hanno raggiunto l’incrocio tra corso Vittorio Emanuele II e corso Re Umberto I. La tensione sarebbe salita quando i ciclisti hanno deciso di bloccare il traffico, una consuetudine durante le loro iniziative. A questo punto la polizia è intervenuta, secondo i manifestanti, colpendo alcuni dei loro. Da qui gli incidenti. Tra i ciclisti, secondo la polizia, ci sarebbero stati anche dei militanti dei centri sociali torinesi e gli anarchici dell’Asilo sgomberato a febbraio. Quindici le persone identificate dopo gli incidenti, quattro quelle denunciate. Tra queste un militante dell’Asilo.

Valentina Sganga, capogruppo M5s, aveva commentato nella serata di ieri: «Quanto accaduto nel corso della manifestazione del critical mass è sconcertante. Proviamo estrema preoccupazione per tutti quei cittadini che, intenti a pedalare in gruppo per incentivare l’uso della bicicletta e rendere la mobilità urbana più sostenibile, si sono trovati in un’escalation di tensione e violenza – continuava Sganga – La repressione ingiustificata che abbiamo visto questa sera non può che rendere doverosa una profonda riflessione sulla gestione dell’ordine pubblico attualmente presente nella città di Torino».

Oggi, come detto, è l’ex presidente del consiglio comunale ad intervenire sulla vicenda: «Mai mi sognerei di spiegare alle forze dell’ordine come si gestisce l’ordine pubblico. Però sono un amministratore di questa città e se vedo scene come quelle di ieri sera non posso rimanere in silenzio».

Aggiunge Versaci: «La critical mass è una forma di protesta pacifica che al massimo può creare qualche piccolo disagio. Del resto, tutte le proteste creano disturbo sennò a cosa servirebbero? Anche i no ztl lunedì sera hanno protestato bloccando il traffico in via Milano dove passa la linea 4, una delle più utilizzate in Città.

«Tutte le proteste e le rivendicazioni, giuste o sbagliate, condivisibili o meno, creano disturbo. Sempre – continua l’esponente pentastellato – Le forze dell’ordine vanno ringraziate quando fanno bene il loro lavoro e criticate quando sbagliano. Non sarò mai uno di quelli che dicono: “le forze dell’ordine fanno tutte schifo” però gli amministratori che difendono a prescindere per bon ton istituzionale sbagliano».

«Purtroppo in questo Paese molto spesso quando si parla di azioni delle forze dell’ordine ci si schiera con posizioni nette e partigiane, senza valutare i singoli casi con un’opinione il più possibile oggettiva. Ecco, credo sia giusto dirlo: ieri le forze dell’ordine hanno sbagliato a intervenire in quel modo, è la mia opinione certo, ma spero possa essere da spunto per un ragionamento in tal senso. Mi permetto di dire la critical mass deve continuare a esserci, sono uno che usa ma bici come unico mezzo di trasporto dal 2009 quindi vi prego non mollate», conclude Versaci.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano