3.7 C
Torino
domenica, 17 Gennaio 2021

Salone del Libro: Porchietto (Forza Italia) chiede chiarimenti. Dario Franceschini: “Lo supporteremo”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Moreno D’Angelo

Non accenna a calare le polemiche intorno al Salone del Libro 2016 annunciato come portatore di grandi cambiamenti rispetto al passato. La questione non poteva non investire il piano politico. Claudia Porchietto, consigliera regionale di Forza Italia ha richiesto una audizione in Commissione Cultura. Nel mirino il susseguirsi di  troppe criticità e ora la rabbia dei piccoli editori culminata con le dimissioni del presidente dell’Aie Federico Motta dalla Fondazione Salone del Libro. Proprio  queste  dimissioni, per l’esponente di Forza Italia, «necessitano un’analisi del profondo malessere che da più di un anno si respira nella governance di una delle manifestazioni culturali più importanti per la nostra Regione». Porchietto aggiunge: «Dall’insediamento della Giunta Chiamparino abbiamo registrato un puntuale susseguirsi di criticità e dimissioni che paiono anomale per un brand che negli anni ha sempre saputo essere ambasciatore di TORINO e del Piemonte a livello nazionale e internazionale».
Per  raffreddare le polemiche. sottolineando l’interesse e l’attenzione del Governo alla manifestazione, il Ministro dei beni culturali Dario Franceschini ha ricordato come: «Il Salone del Libro è sicuramente una delle cose più importanti in Italia, vedremo come supportarlo». Ha poi precisato: «Adesso è entrato anche il Miur, il governo è già presente».

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano