16.8 C
Torino
mercoledì, 22 Maggio 2024

Rolando assicura: «Dopo l’approvazione del bilancio erogheremo a Infrato 19 milioni e una convenzione con Gtt»

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

di G.Z.

Tempo di rassicurazioni e promesse per l’assessore al Bilancio Sergio Rolando che assicura che tutti i debiti e i crediti verranno regolamentati dopo l’approvazione del Bilancio. «Applicheremo le osservazioni che saranno ritenute valide e, per quel che riguarda la cassa, entro un mese si vedrà un risultato consistente» ha spiegato in Commissione Controllo di Gestione dove in mattinata sono stati ascoltati i revisori dei Conti che hanno espresso un parere favorevole ma con riserve al primo Bilancio dell’era Appendino.
Rolando ha parlato anche di Infrato e Gtt spiegando che «come concordato con i loro amministratori, sono state inviate recentemente alle due società partecipate le comunicazioni relative alle poste inserite nel bilancio previsionale 2017. Per il 2017 la Città di Torino erogherà un contributo di circa 19 milioni di euro alla società Infra.To, richiedendo, contestualmente, all’amministratore Currado di procedere con la rinegoziazione dei mutui in essere».
Mentre per Gtt «con la quale non è ancora stata stipulata alcuna convenzione, si procederà, non appena approvato il bilancio, ad elaborare una convenzione volta a regolamentare le partite di debito e credito nei confronti della Città tanto del pregresso quanto per il futuro».
Per l’assessore «è auspicabile che, non appena regolati i rapporti economici tra Gtt e Città di Torino, anche l’Agenzia per la Mobilità Metropolitana provveda ad elaborare un provvedimento analogo. Quali soci di Gtt e amministratori della Città crediamo che il trasporto pubblico sia un valore per la collettività che siamo pronti a difendere».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano