20.7 C
Torino
sabato, 19 Settembre 2020

Risorse trovate: conto alla rovescia per il Def

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

«Abbiamo trovato tutte le coperture. Verranno soprattutto dalla spesa pubblica e dai settori improduttivi». Ad annunciarlo è il sottosegretario Graziano Delrio, che ha spiegato come grazie alla spending review sarebbe stato possibile individuare 6 dei 6,6 miliardi necessari per procedere al taglio dell’Irpef e, di conseguenza, per coprire lo sconto in busta paga di 80 euro dei lavoratori dipendenti. Il resto delle risorse, assicurano da Palazzo Chigi, arriverebbe invece dall’Iva dovuta da chi incassa i pagamenti della Pubblica amministrazione.
Previsto per oggi alle 18 il varo del Documento economico finanziario, Def. Il testo, stando alle indiscrezioni, è praticamente pronto anche se il consiglio dei ministri di questo pomeriggio potrebbe apportare le ultime modifiche.
Il Documento definirà il piano nazionale delle riforme e le indicazioni fondamentali della politica economica del governo. Obbiettivi dichiarati: tagliare il cuneo fiscale a favore dei lavoratori ottenendo le risorse attraverso i tagli alla spesa pubblica e ridurre l’Irap prima del 5% e in seguito del 10% coprendo la manovra con l’aumento della tassazione delle rendite finanziarie che passerà dal 20 al 26%. Nel testo che dovrebbe essere approvato oggi, comunque, i tagli non appariranno nel dettaglio ma verranno riportate solo le macrocifre.
Il Documento dovrebbe poi delineare anche il piano di privatizzazione che dovrebbe ridurre il debito pubblico coprire per circa 20 miliardi i pagamenti della Pubblica amministrazione. Uno dei cavalli di battaglia di Renzi, che tante polemiche ha suscitato in seguito al botta e risposta tra il premier e l’ad di Trenitalia, Moretti, sarà poi il taglio degli stipendi ai manager pubblici. Fino ad ora non è trapelata nessuna notizia certa, ma stando ad alcune indiscrezioni circolate in questi giorni, i nuovi tetti dovrebbero attestarsi a 270 mila euro per i vertici, 190 mila per i capi dipartimento, 120 mila euro per i dirigenti di prima fascia, 80 mila per quelli di seconda. Il taglio porterebbe dunque a un risparmio di 700 milioni l’anno.
Dovrebbero poi seguire i tagli a quelli che il presidente del Consiglio ha definito “enti inutili”: dal Cnel all’Aci alla Motorizzazione Civile. Così come ai Ministero della Difesa e degli Esteri. Capitolo delicato è poi quello della sanità, anche se il ministro Lorenzin insiste che a riguardo più che tagli saranno effettuate oculate mosse di risparmio, volte a reinvestire 10 miliardi in circa 4 anni nel sistema sanitario nazionale.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Febbre a scuola, il Tar respinge il ricorso del Ministero contro l’ordinanza di Cirio

Il Tar del Piemonte non ha accolto la richiesta del Governo di una sospensiva d’urgenza in via monocratica per l’ordinanza della Regione...

No Tav, Dana Lauriola è stata arrestata. Tensione tra attivisti e polizia a Bussoleno

E' avvenuto questa mattina all'alba l'arresto di Dana Lauriola, storica attivista No Tav e militante del centro sociale Askatasuna, condannata a due...

RU 486, Appendino contro la Regione: “Becera propaganda sul corpo delle donne”

La sindaca di Torino Chiara Appendino interviene in merito alla proposta della giunta regionale del Piemonte di abolire la somministrazione della pillola...

Febbre a scuola, Cirio non cambia idea: “Ordinanza fatta con buon senso”

Non cambia idea Alberto Cirio sull'ordinanza che impone la misurazione della febbre a scuola e che il ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina ha...

Gtt, ecco come chiedere il rimborso per gli abbonamenti non usati durante il Covid

Gtt rimborserà gli abbonamenti non utilizzati duranti il lockdown attraverso l’emissione di un voucher che permetterà l’acquisto di nuovi titoli di viaggio....