16.7 C
Torino
martedì, 22 Settembre 2020

Peaches Geldof uccisa dalla dieta del succo di frutta?

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Non ci sono ancora risposte sulla tragica morte di Peaches Geldof, la venticinquenne figlia del musicista irlandese trovata senza vita nella sua casa londinese domenica sera.
L’unica certezza per la polizia inglese, accorsa sul posto dopo una chiamata che chiedeva aiuto per una giovane donna, è che non si tratterebbe di un gesto volontario. La giovane presentatrice e modella, non si sarebbe suicidata: nonostante un passato turbolento con alcool e droghe la ragazza aveva trovato la sua tranquillità a fianco del marito e dei due figlioletti di due anni e 11 mesi. Lo dimostra la sua ultima intervista prima di morire, in cui aveva dichiarato che la maternità le aveva cambiato la vita e che mai per nessun motivo avrebbe lasciato i suoi bambini.
Una fatalità, dunque, sembrerebbe l’unica spiegazione. Un po’ come era stato vent’anni fa per la madre Paula, morta per un’overdose di eroina quando le sue tre figlie erano ancora piccole. Perdita che Peaches ha sempre sofferto, come del divorzio pubblico dei genitori. E proprio poche ore prima di morire la venticinquenne ha postato una foto di lei da bambina in braccio alla madre, di cui a giorni ricorre l’anniversario della scomparsa.
Intanto, l’attenzione degli investigatori sembra essere puntata sulle diete a cui la donna, negli ultimi anni visibilmente dimagrita rispetto al visino paffuto da ragazza, si sottoponeva. Lei stessa avrebbe raccontato in alcune interviste di aver un trucco per perdere tanti chili in poco tempo: non mangiare nulla e bere succhi di frutta e centrifugati di verdure, e per quasi un mese di fila. Un’abitudine a cui la venticinquenne si era forzata soprattutto dopo le gravidanze e per la scarsa forza di volontà che diceva di avere nei confronti della dieta. Ma per i medici tutto ciò rappresenta un notevole pericolo per la salute: infatti, il cuore di chi si sottopone a diete estreme diventa più debole e a rischio di improvvisi infarti. Che sia proprio l’ossessione della magrezza ad aver ucciso Peaches Geldof?

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...

I Cinque Stelle dalla parte di Appendino: “Continuiamo a sostenerla”

Se la maggioranza pentastellata ha vissuto momenti di crisi e ha dubitato della propria sindaca non è di certo oggi. Anzi la...

Ream, Lo Russo e Carretta: “Giudizio politico negativo non cambia, serve guardare a futuro”

Il Partito Democratico commenta la sentenza del processo Ream che condanna Chiara Appendino a sei mesi per falso in atto pubblico. Commenti...

Processo Ream, Appendino condannata per falso in atto pubblico

La sindaca Chiara Appendino è stata condannata per falso in atto pubblico relativo al bilancio 2016 nell'ambito dell'inchiesta che la vedeva imputata...

Ream, la sentenza per Appendino alle 15 ad urne chiuse

La sentenza del processo Ream che vede tra gli imputati Chiara Appendino, il suo ex capo di gabinetto, Paolo Giordana, e l’assessore...