18.6 C
Torino
martedì, 21 Maggio 2024

Ricorso al Tar contro il Bilancio Appendino. Maggioranza: “Siamo tranquilli”. Ecco perché

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Andrea Doi

Si dicono “tranquilli e sereni” dalla maggioranza nonostante la decisione delle minoranze in Consiglio comunale di ricorre al Tar Piemonte per impugnare “per gravi irregolarità nelle procedure adottate” relative alla delibera “Indirizzi per la redazione del Bilancio finanziario triennale 2017 – 2019” che consente l’utilizzo degli oneri di urbanizzazione per pagare la spesa corrente.
Una delibera approvata dalla maggioranza del M5S nella seduta del 6 marzo 2017 che secondo le minoranze di centro, sinistra e destra sarebbe viziata nelle procedure adottate. Sarebbe contestato il fatto che la mozione non avrebbe seguito l’iter, che sarebbe passata direttamente al voto della Sala Rossa.
Per il Movimento Cinque Stelle non c’è alcuna irregolarità. Secondo la maggioranza è stato usato l’articolo 93 del Regolamento del Consiglio comunale, che prevede la possibilità di mandare in aula un atto senza che questo passi dalle Commissioni competenti.

L’unica preclusione di questa modalità che deve passare a maggioranza dei consiglieri, cioè dev’essere votata in capigruppo, esiste solamente per l’articolo 35 comma 3 «L’obbligo di assegnazione all’esame delle commissioni consiliari competenti qualora lo richieda un singolo componente del Consiglio non è comunque derogabile per le proposte di deliberazioni avente per oggetti Bilancio del Comune e le sue variazioni, lo Statuto e le sue variazioni, il Piano Regolatore e le sue varianti, la costituzione di aziende speciali, fondazioni, associazioni, istituzioni, società di capitali e la connessione a terzi di servizi comunali». La delibera, invece, secondo la maggioranza, riguardava la richiesta della giunta di annullare la mozione sugli oneri di urbanizzazione e quindi non è nell’elenco.
In una nota l’assessore al Bilancio Sergio Rolando commenta la vicenda: «Quella delle minoranze un’iniziativa del tutto pretestuosa e fuori luogo. Dimostreremo, se necessario, nelle sedi deputate la correttezza del procedimento seguito per l’approvazione della delibera in Consiglio Comunale».
Per Alberto Unia, capogruppo grillino l’opposizione è «irresponsabile e disposta a tutto pur di mettere i bastoni tra le ruote alla macchina comunale e all’amministrazione».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano