6.4 C
Torino
martedì, 9 Marzo 2021

Revenge porn causò licenziamento della maestra: procura chiede condanna

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Una condanna a otto mesi per violazione del codice del 2003 sulla privatezza è quanto richiesto dalla procura di Torino nei confronti dei due imputati per il caso della maestra d’asilo che nel 2018 perse il lavoro dopo essere stata vittima di revenge porn da parte dell’ex fidanzato che aveva mandato immagini intime in una chat, arrivata poi alle mamme e alla direttrice dell’asilo in cui lavorava. 

Secondo la ricostruzione dell’accusa, quando la notizia si sparse l’insegnante fu costretta a rassegnare le dimissioni. Gli avvocati della difesa invece, oltre a respingere gli addebiti affermano che in base a un decreto legislativo del 2018 (che ha modificato la normativa in attuazione di un Regolamento Europeo) è possibile che il comportamento dei due imputati non sia punibile. 

Il processo per revenge porn nei confronti della maestra si sta svolgendo con rito abbreviato, in un procedimento parallelo è già stata chiesta la condanna della direttrice dell’istituto, mentre il fidanzato che per primo divulgò le immagini ha chiesto la messa alla prova.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano