31.7 C
Torino
venerdì, 7 Agosto 2020

Ravetti e Gallo (Pd): “Cirio e il gioco delle tre carte”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il “Riparti Piemonte”, che è stato a lungo annunciato e, poi, presentato dal Presidente Cirio e dalla sua Giunta come un grande piano per il rilancio dell’economia piemontese del valore di 700 milioni di euro, inizia oggi il suo iter in Commissione. Più volte il nostro Gruppo ha espresso i propri dubbi sulla fragilità del provvedimento e sulla mancanza di una visione di ampio respiro del futuro economico e sociale della nostra Regione, l’unica che potrà garantire una vera ripartenza. Inoltre, gli articoli che annunciano una semplificazione urbanistica non tengono in considerazione la prospettiva “zero” del consumo del suolo, un bene importante che abbiamo il dovere di preservare per le generazioni future e rappresentano una vera e propria offesa alla tutela dell’ambiente e del paesaggio” dichiara il Presidente del Gruppo Pd in Consiglio regionale Domenico Ravetti.

“In realtà, dobbiamo subito sfatare il mito che questo provvedimento valga 700 milioni di euro dal momento che buona parte delle risorse non sono nuove, ma frutto di una riprogrammazione di fondi derivanti dall’utilizzo delle risorse ex Finpiemonte o già iscritte nel Bilancio regionale – spiega il Vicepresidente del Gruppo Pd Raffaele Gallo, relatore di minoranza del ddl – Si evince, infatti, che, per gli interventi per rilanciare l’edilizia, il turismo, la competitività, la cooperazione non verranno utilizzati nuovi fondi, ma semplicemente spostati quelli già esistenti. Un gioco di prestigio che getta polvere negli occhi e confonde lo spettatore. Riprogrammare non significa stanziare nuove risorse. Stesso gioco per lo sport: le risorse annunciate erano già presenti nel Bilancio regionale. Che dire, poi, del sostegno al turismo, settore che la crisi ha duramente colpito e che ha la necessità di essere sostenuto, ma anche rilanciato attraverso massicce campagne di comunicazione? Con un emendamento la Giunta fa scomparire gli annunciati 6 milioni di euro previsti per l’anno 2020, mantenendoli soltanto per il 2021. E ancora: un nuovo articolo annuncia che la Regione si assumerà l’onere di corrispondere il costo di un pernottamento in qualunque struttura ricettiva piemontese per coloro che entro il 31 dicembre di quest’anno prenotano per almeno due notti. Stanziamento totale: 5.000.000 di euro. Per qualsiasi soggiorno e per qualsiasi limite di spesa anche per una super suite? Un altro annuncio?”.

- Advertisement -

“Il Riparti Piemonte – concludono Ravetti e Gallo – si caratterizza per una spesa aggiuntiva di poco più di 40 milioni di euro, spalmati sui due anni. Un investimento molto lontano dalle cifre presentate ai piemontesi. Il centrodestra conferma la propria abilità nell’illusionismo e nella finzione con le quali si esibisce, fin dall’inizio della legislatura, in un continuo gioco delle tre carte. Se questo ddl sarà approvato non ci saranno più leve e possibilità per una ripartenza futura”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Via Germagnano; ‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’: “Nessun blitz ferragostano, il Comune si assuma la responsabilità”

“‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’ esprimono forte preoccupazione riguardo all’iniziativa di sgombero del campo di via Germagnano che coinvolge circa 100...

Il pasticcio dei Voucher scuola della Regione Piemonte

Avevano appena ricevuto la mail che confermava l'assegnazione dei voucher scuola per l'anno 2020/21 ma 45 famiglie piemontesi hanno potuto gioire ben...

Torino città Covidless

La città di Torino ha ricevuto oggi l'attestazione Covidless Approach&Trust. Un riconoscimento frutto del progetto di ricerca che ha analizzato le risposte...

Caso Embraco, Cirio: “Da parti in causa serve risposta chiara”

"Seguo la vicenda Embraco ormai da due anni ed è inammissibile che solo oggi, per la prima volta, si siano trovati seduti...

Viviana Ferrero contro le telecamere di Appendino: “Riappropriamoci di luoghi della città”

Ieri era stata Maura Paoli a dare il via alle polemiche interne alla maggioranza Cinque Stelle sulla vicenda dell'istallazione di 300 nuove...