24.4 C
Torino
domenica, 13 Giugno 2021

Raccolta differenziata, la Regione Piemonte approva piano quinquennale

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La giunta del Comune di Torino ha approvato il programma quadro di sviluppo della raccolta differenziata in città per il quinquennio che va dal 2014 al 2018. Il piano, proposto dall’assessore all’Ambiente del capoluogo piemontese Enzo Lavolta, ha come obiettivi migliorare il percorso intrapreso da qualche anno, sia come qualità sia in fatto di copertura sul territorio. Un percorso che, fanno sapere dallo staff di Lavolta, sta prendendo forma in modo molto positivo, dal momento che «Negli ultimi anni Torino ha raggiunto il 41,9% di raccolta differenziata domiciliare, che la pone ai primi posti in Italia tra città di analoghe dimensioni con l’obiettivo di raggiungere il 50% di raccolta».
Diverse le strategie enunciate nel programma: l’estensione o l’attivazione della raccolta domiciliare integrata che dovrebbe interessare le circoscrizioni 1, 2, 4, 7, 8 e 9; lo sviluppo di “ecoisole” nelle Spine 3 e 4; la sperimentazione della raccolta “One to zero” (con la circoscrizione 9 individuata come area pilota); alcune iniziative per la riduzione alla fonte di produzione di rifiuti organici, che comprenderanno compostaggio domestico e collettivo.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor

Primo Piano