8.5 C
Torino
martedì, 27 Ottobre 2020

Quarto giorno di protesta dei bidelli davanti al Comune

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Quarto giorno di proteste per i lavoratori delle cooperative di tipo b davanti al Comune di Torino.
Notte e giorno davanti al Palazzo della Città. Bidelle e bidelli che si occupano della pulizia e della sorveglianza nelle scuole.
Oggi potrebbe arrivare la proroga di un mese ai loro contratti. Uno stop che potrebbe permettere di andare avanti con la trattativa.
Gli animi però davanti al Comune continuano a essere tesi: «Vogliamo garanzie. I nostri posti di lavoro non devono essere buttati via».
Intanto il sindaco ha scritto al neo premier Matteo Renzi: «Servono adeguate garanzie ai problemi occupazionali, nonché alle condizioni di igiene e sicurezza nelle scuole» si legge nella lettera spedita «per conoscenza» anche al sottosegretario Graziano Delrio e ai ministri dell’Istruzione e del Lavoro, Stefania Giannini e Giuliano Poletti.
«I fondi ridotti del nuovo appalto Consip – dice Fassino – non sono in grado di garantire standard minimi di igiene e sicurezza».
La richiesta è che il tutto venga procrastinato fino a giugno, e che questo periodo serva per trovare i fondi necessari a mantenere il loro impiego.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo precedente28 febbraio
Articolo successivoFinisce in manette il “truffacuori”
- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Notte di guerriglia contro le chiusure

Fuochi di artificio, lanci di bottiglie, petardi, bombe carta e cori contro la giunta regionale e contro le forze dell’Ordine schierate in...

Ore 18: chiudono bar e ristoranti

Il silenzio è interrotto solo dal rumore delle sedieche vengono impilate e delle saracinesche che calano. Mancano pochi minuti alle 18, l'ora...

Inizia il lunedì di protesta a Torino: taxi in piazza Castello contro chiusure

Mentre per la serata sono attese due manifestazioni di protesta contro il nuovo Dpcm firmato ieri da Conte e che prevede la...

Elena Piastra positiva al Covid. La sindaca di Settimo: “Non abbassiamo la guardia”

Il test rapido le ha dato esito positivo e ora farà il tampone molecolare per averne conferma. La sindaca di Settimo Elena...

“Siamo costretti a chiudere”. La protesta di Confesercenti contro il Dpcm

“Alle 18.00 siamo costretti a chiudere, ma avere un futuro è un nostro diritto”. È questo il messaggio del manifesto che migliaia...