18.1 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

Quanto è cresciuto il ricorso alla rete in epoca di Covid

Più letti

Nuova Società - sponsor

Il Covid ha segnato in maniera molto profonda il nostro modo di vivere. I timori legati al diffondersi del virus hanno non solo consigliato i governi di ogni parte del globo a chiudere per quanto possibile le attività non essenziali, ma anche spinto molte persone ad assumere comportamenti volti ad evitare conseguenze sanitarie molto gravi. Con tanti settori interessati da questo trend e i quali sono destinati a tenere conto anche nel futuro di quanto accaduto nel corso della pandemia.

Il distanziamento e la tecnologia

La necessità di mantenere il distanziamento sociale, ha favorito in particolare le nuove tecnologie. Da molti individuate come un possibile ausilio in grado non solo di attenuare la vera e propria frattura intervenuta nella società, ma anche di facilitare la vita di ogni giorno. Basti pensare in tal senso al vero e proprio boom degli acquisti online, cui molti hanno fatto ricorso nel momento peggiore della pandemia, ovvero il lockdown.
L’impossibilità di rifornirsi presso le rivendite fisiche, ha infatti spinto molti consumatori a optare per il commercio elettronico. Un trend che ha favorito non solo Amazon, ma anche molti brand minori che avevano optato in precedenza per la multicanalità.

Dal denaro contante alle criptovalute

Il Covid, con i timori innescati, ha avuto conseguenze di larga portata anche nel settore monetario. Quando si è sparsa la voce relativa alla possibilità che il denaro contante potesse fare da veicolo per il virus, in molti hanno deciso di adottare il denaro digitale innescando un trend del resto già conosciuto in alcuni Paesi gravati da pesanti livelli di inflazione.
Ciò ha spinto più di un osservatore a vaticinare nell’immediato futuro la possibilità di una più rapida adozione di massa delle criptovalute.

L’informazione è sempre più online

Lo sconquasso provocato dalla pandemia non poteva non riflettersi anche sull’informazione. Se i giornali cartacei sono in crisi ormai da anni, i timori di carattere sanitario hanno accelerato la conversione di molti utenti alla rete. Ove è in effetti possibile avere notizie in maniera non solo più rapida di quanto accade con un giornale, ma anche più sicura. Un trend destinato ad accelerare nel corso dei prossimi anni e che potrebbe sancire la fine del giornale tradizionale.

Il trading online è sempre più all’ordine del giorno

In questo quadro, non poteva mancare il trading online. Se già prima del Covid i broker che offrono servizi finanziari sul web erano in grande crescita, con la pandemia l’investimento online è diventato una vera e propria consuetudine, cui si sono affacciati anche coloro che prima avevano qualche remora. I siti che propongono guide su come investire nel trading online sono tra i più visitati.
In effetti l’immediatezza e la sicurezza di questa modalità di investimento rappresentano l’ideale per chi non intende rischiare con comportamenti che potrebbero metterne a repentaglio la sicurezza e la salute. Anche in questo caso la pandemia potrebbe rappresentare un vero e proprio spartiacque, a tutto vantaggio delle piattaforme online. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano