10.1 C
Torino
martedì, 21 Maggio 2024

Processo Ruby. Le dimissioni storiche del giudice Enrico Tranfa

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

È la prima volta che accade nella storia della magistratura. Il giudice Enrico Tranfa, colui che verrà ricordato per la lettura della sentenza di assoluzione di Silvio Berlusconi per il “caso Ruby”, si è dimesso dopo il deposito delle motivazioni del verdetto della Corte d’Appello. Il magistrato ha deciso di andare in pensione, con quindici mesi di anticipo.
L’addio è clamoroso perché avviene immediatamente dopo il deposito delle motivazioni, redatte dal giudice Lo Curto, le quali hanno descritto un abuso di potere che però, di fatto, secondo l’interpretazione del procedimento a carico dell’ex premier, non costituisce reato. Il presidente Tranfa non ha probabilmente condiviso la decisione di assoluzione dei giudici Concetta Lo Curto e Alberto Puccinelli, è andato in minoranza nel collegio (composto da due giudici e, appunto, dal presidente) e dopo novanta giorni non potendo sottrarsi, per legge, ha firmato il verdetto. Oggi ha salutato tutti, anticipando i tempi della sua pensione. Tranfa, da presidente della II Corte d’Appello di Milano dal 2012, avrebbe potuto chiedere di essere trasferito altrove o di cambiare Corte, ma ha deciso diversamente, optando per una scelta più netta, lasciando senza presidente la Corte, visto che solamente poco tempo fa un altro magistrato con funzioni da presidente è andato in pensione.
La procura generale di Milano, che aveva chiesto la conferma della condanna di primo grado (i giudici avevano condannato Berlusconi a sette anni per concussione, costrizione e prostituzione minorile), potrà, ora che le motivazioni sono state depositate, se riterrà, presentare ricorso in Cassazione, per chiedere di confermare la decisione o annullarla, chiedendo quindi un nuovo rinvio ad un’altra Corte d’Appello.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano