8.5 C
Torino
sabato, 25 Maggio 2024

Processo Rimborsopoli: parla l’accusa

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

C’è un po’ di tutto: dalle mutande verdi di Roberto Cota, al tosaerba di Andrea Stara. Dagli impianti antifurto agli ingressi in discoteca. Non si facevano mancare nulla i consiglieri regionali piemontesi, sia del centrodestra che del centrosinistra, che poi, diligentemente si facevano rimborsare queste “spese pazze”, tra il 2010 e il 2012, dal gruppo di Palazzo Lascaris.

Per l’ex governatore del Piemonte e i suoi 23 consiglieri siamo arrivati alle battute finali del processo. Accusati di peculato per essersi fatti rimborsare con soldi pubblici. E c’è anche un’accusa di truffa. Gli imputati sono 25. Quelli del Pdl, confluiti in un secondo tempo nei gruppi “Forza Italia”, “NuovoCentroDestra”, “Fratelli d’Italia” e “Progett’Azione”: Angiolino Mastrullo, Augusta Montaruli, Lorenzo Leardi, Rosanna Valle, Massimiliano Motta, Roberto Tentoni, Angelo Burzi, Michele Formagnana, Girolamo La Rocca, Daniele Cantore, Alberto Cortopassi e Rosa Anna Costa. I leghisti Massimo Giordano, Roberto De Magistris, Federico Gregorio, Riccardo Molinari e Paolo Tiramani.

Michele Giovine per i “Pensionati per Cota”, Michele Dell’Utri per i “Moderati”, Luigi Cursio dell’Italia dei Valori, Giovanni Negro dell’Udc, Andrea Stara per “Insieme per Bresso” e Maurizio Lupi “Verdi Verdi”, che ha già patteggiato la pena per peculato ma è stato rinviato a giudizio per truffa.

C’è anche la figlia di Lupi, Sara, che collabora con i “Verdi Verdi”. Lei è accusata di avere recepito stipendi dal gruppo regionale, nonostante fosse all’estero a studiare.

La requisitoria di questa mattina, dopo un anno di udienze, sono state tenute, davanti al giudice Silvia Bersano Bejey, dai pm Giancarlo Avenati Bassi e Enrica Gambetta. Il 5 aprile ci saranno richieste di condanna. Poi parleranno tutte le difese. Prima dell’estate la sentenza.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano