14.2 C
Torino
giovedì, 23 Maggio 2024

Processo Minotauro, Coral fece eleggere la nuora e il figlio grazie alla 'ndrangheta

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

«Si è avvalso dell’appoggio dell’organizzazione criminale in esame per portare avanti il suo piano di conquista politica per sè e per la sua famiglia, attraverso un atteggiamento di estrema gravità perché incide sulla vita pubblica e sul corretto funzionamento dello Stato». Sono queste le motivazioni dei giudici della quinta sezione penale del tribunale di Torino in merito alla condanna di Nevio Coral, ex sindaco di Leinì, a dieci anni di carcere per concorso esterno in associazione mafiosa nell’ambito del processo Minotauro sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta in Piemonte.
«La risposta fornita dagli atti di causa non lascia spazio a dubbi in ordine alla sussistenza della responsabilità», scrivono ancora i magistrati.
Tra il 2004 e il 2011 secondo i giudici l’ex primo cittadino avrebbe intrecciato rapporti con le ‘ndrine locali pagando affinché lui, il figlio Ivano e l’ex assessore regionale nonché nuora di Coral, Caterina Ferrero, venissero eletti.
Gli atti del processo, si legge ancora nelle motivazioni, «dimostrano oggettivamente una infiltrazione corposa e costante di imprese mafiose nello svolgimento dei lavori facenti capo alle sue aziende».
Dunque Coral «ha fornito un contributo concreto e specifico, così rafforzando l’associazione stessa», concludono i giudici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano