12.2 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

Processo Furchì: Musy è morto per una virulenta broncopolmonite

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Si è riaperto questa mattina in corte d’Assise il processo nei confronti di Francesco Furchì per l’omicidio del consigliere comunale Alberto Musy, morto dopo diciannove mesi di coma in seguito ai colpi di pistola esplosi il 21 marzo 2012 nell’androne di casa sua dall’uomo con il casco.
A salire al banco dei testimoni è stato il medico legale Luca Taiana dell’Università di Varese che ha ribadito come il decesso di Musy sia avvenuto per «una virulenta broncopolmonite che, a causa dello stato vegetativo del paziente e dell’abbassamento delle difese immunitarie, non fu possibile risolvere con le normali terapie».
Intanto il pubblico ministero ha definito Furchì «un rancoroso faccendiere spinto dalla vendetta per non avere ottenuto aiuti dalla vittima».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano