8.5 C
Torino
sabato, 25 Maggio 2024

Processo Cacao, tutti assolti. Morano: “Massacrato anche se innocente”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il consigliere comunale di Torino e notaio Alberto Morano è stato assolto dall’accusa di tentata concussione, truffa e corruzione per il processo “Cacao”.

Il già candidato sindaco di Torino era finito sul banco degli imputati, insieme all’ex consigliere comunale di centro destra Angelo D’Amico, gli imprenditori Ferdinando Montalbano e Antonio Biondino e a Davide Lunardi gestore della discoteca Patio.

Secondo la Procura di Torino, che aveva chiesto per il notaio la condanna a 6 anni di carcere, per D’amico 4 anni e 6 mesi, per Montalbano 4 anni e 4 mesi, per Biondino 2 anni e 8 mesi e per Lunardi 4 anni, il notaio aveva fatto pressioni per ottenere 220.000 euro dai gestori della discoteca Cacao per ritirare i suoi esposti presentati in Sala Rossa su presunti abusi edilizi e irregolarità nelle autorizzazioni per l’apertura del noto locale di proprietà del Comune al Parco del Valentino.

Ma per il giudice dell’udienza preliminare Francesca Christillin il fatto non sussiste e quindi tutti assolti. «È stato per me un periodo molto difficile in cui, nonostante fossi innocente, sono stato letteralmente massacrato. Questa è la conclusione di un incubo».

Soddisfazione anche da parte dell’avvocato Alberto Mittone, difensore di Morano, che parla di una conclusione giustificata e meritata. Il capogruppo di centrodestra era ricorso al rito abbreviato.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano