16 C
Torino
martedì, 22 Settembre 2020

Processo Cacao, tutti assolti. Morano: “Massacrato anche se innocente”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Andrea Doi
Andrea Doi
Giornalista dal 1997. Ha iniziato nel '93 al quotidiano La Nuova Sardegna. Ha lavorato per Il Manifesto, Torino Sera, La Stampa. Tra le sue collaborazioni: Luna Nuova, Il Risveglio del Canavese, Il Venerdì di Repubblica, Huffington Post, Avvenimenti e Left. Dal 2007 a Nuova Società.

Il consigliere comunale di Torino e notaio Alberto Morano è stato assolto dall’accusa di tentata concussione, truffa e corruzione per il processo “Cacao”.

Il già candidato sindaco di Torino era finito sul banco degli imputati, insieme all’ex consigliere comunale di centro destra Angelo D’Amico, gli imprenditori Ferdinando Montalbano e Antonio Biondino e a Davide Lunardi gestore della discoteca Patio.

- Advertisement -

Secondo la Procura di Torino, che aveva chiesto per il notaio la condanna a 6 anni di carcere, per D’amico 4 anni e 6 mesi, per Montalbano 4 anni e 4 mesi, per Biondino 2 anni e 8 mesi e per Lunardi 4 anni, il notaio aveva fatto pressioni per ottenere 220.000 euro dai gestori della discoteca Cacao per ritirare i suoi esposti presentati in Sala Rossa su presunti abusi edilizi e irregolarità nelle autorizzazioni per l’apertura del noto locale di proprietà del Comune al Parco del Valentino.

- Advertisement -

Ma per il giudice dell’udienza preliminare Francesca Christillin il fatto non sussiste e quindi tutti assolti. «È stato per me un periodo molto difficile in cui, nonostante fossi innocente, sono stato letteralmente massacrato. Questa è la conclusione di un incubo».

Soddisfazione anche da parte dell’avvocato Alberto Mittone, difensore di Morano, che parla di una conclusione giustificata e meritata. Il capogruppo di centrodestra era ricorso al rito abbreviato.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...

I Cinque Stelle dalla parte di Appendino: “Continuiamo a sostenerla”

Se la maggioranza pentastellata ha vissuto momenti di crisi e ha dubitato della propria sindaca non è di certo oggi. Anzi la...

Ream, Lo Russo e Carretta: “Giudizio politico negativo non cambia, serve guardare a futuro”

Il Partito Democratico commenta la sentenza del processo Ream che condanna Chiara Appendino a sei mesi per falso in atto pubblico. Commenti...

Processo Ream, Appendino condannata per falso in atto pubblico

La sindaca Chiara Appendino è stata condannata per falso in atto pubblico relativo al bilancio 2016 nell'ambito dell'inchiesta che la vedeva imputata...

Ream, la sentenza per Appendino alle 15 ad urne chiuse

La sentenza del processo Ream che vede tra gli imputati Chiara Appendino, il suo ex capo di gabinetto, Paolo Giordana, e l’assessore...